5 dicembre 2017 - Ferrara, Cronaca

Zona Gad, continuano i controlli

Nuovo servizio della Polizia, nell'ambito dell'attività pianificata con altre forze

Nella serata di ieri, nell’area cittadina “GAD”, la Polizia di Stato ha effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio, spiega la Questura in una nota stampa. Prosegue quindi l'attività, attuata quotidianamente sulla base del piano coordinato di controllo del territorio unitamente a tutte le Forze di Polizia. Ieri, in particolare, sono stati utilizzati i rinforzi provenienti da Bologna: 4 equipaggi del reparto Prevenzione Crimine Emilia Romagna Orientale ed una Squadra del reparto Mobile, diretti da un Funzionario della Questura collaborato dall’Ufficio Immigrazione, dalla Polizia Scientifica e dalla Divisione Polizia Amministrativa e Sociale.

I controlli hanno il senso di monitorare la situazione nella zona ed attuare un meccanismo di prevenzione che necessariamente si attua attraverso le identificazioni ed i controlli, soprattutto alla luce dei recenti gravi episodi e, comunque, nel segno della continuità con tutti i servizi attuati fino ad oggi, commenta la Questura.

Il dispositivo è stato affiancato da personale della Squadra Mobile che è invece impegnato nelle indagini di polizia giudiziaria.

Nell’ambito di tali servizi sono state identificate 56 persone, di cui 21 di nazionalità straniera, effettuati 3 posti blocco e controllati 16 esercizi commerciali per la verifica del rispetto del Regolamento di Polizia Urbana inerente gli orari di esercizio e delle limitazioni imposte alla vendita per asporto di bevande alcoliche e di quelle di qualsiasi natura contenute in recipienti rigidi, oltrechè degli orari di funzionamento degli apparecchi per il gioco lecito con vincita in denaro.

I servizi proseguiranno.

E’ stato denunciato in stato di libertà, un cittadino nigeriano 22enne, fermato nel pomeriggio di ieri da personale delle Volanti, presso i giardini del grattacielo. A sostegno della propria identità, il giovane ha fornito una carta di identità le cui generalità, controllate in banca dati, risultavano associate a persona irregolare sul territorio nazionale, pertanto veniva accompagnato in Questura per più approfonditi accertamenti. Sottoposto a procedura identificativa mediante SPAID si aveva conferma delle generalità e altresì dello stato di clandestinità del soggetto il cui permesso di soggiorno era scaduto da tempo.

Tag: polizia

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.