20 novembre 2017 - Ferrara, Cronaca

A Copparo un importante progetto di Sitting Volley

Uno sport sviluppatosi velocemente in tutta Italia

Se ci sediamo per terra e cominciamo a giocare, siamo tutti uguali”. Così ha esordito Mirco Sivieri, responsabile del settore giovanile del Copparo Volley, parlando di sitting volley. Per la pallavolo paralimpica, infatti, non servono tante regole: si gioca sei contro sei, in un campo di sei metri per dieci. È proibito alzarsi o saltare ed è necessario rimanere a contatto con il suolo durante l’intero svolgimento dell’azione. Ecco tutto.

Il sitting volley, promosso dalla Federazione Nazionale Pallavolo ormai da alcuni anni, si è sviluppato molto velocemente in tutta Italia. In questa fase di crescita, Copparo ha scelto di mettersi in gioco dando la possibilità a quindici ragazzi disabili di cominciare a giocare. “Ci sono diverse disabilità all’interno della nostra squadra. Abbiamo cominciato a collaborare con due cooperative che si occupano di assistere ragazzi con diversi gradi di difficoltà e ne siamo molto fieri. La nostra è una iniziativa prima di tutto etica, oltre che sportiva”.

Dopo un primo anno dedicato alla sperimentazione del progetto, Mirko ed il suo staff hanno cominciato a lavorare sul serio, insegnando ai ragazzi le basi dello sport e provando a farli stare in campo in autonomia. “È una disciplina molto faticosa, i ragazzi si divertono e si muovono tantissimo. Al momento non siamo pronti per affrontare un campionato, ma organizziamo piccole manifestazioni coinvolgendo le ragazze della nostra società. L’obiettivo è quello di vedere i ragazzi schierati in campo per un sei contro sei: speriamo di riuscirci entro la fine di quest’anno”.

Al momento, Copparo è l’unica struttura che offre la possibilità di allenarsi in tutta la provincia. La speranza è quella di promuovere al meglio questa disciplina e coinvolgere il più possibile i ragazzi, per aiutare l’inserimento nel mondo sportivo di tutti coloro che vogliono sentirsi parte di una squadra. “Spero che prima o poi le altre società possano essere nostre ospiti e possano far giocare le loro ragazze contro la nostra squadra. Lo ripeto ancora: se ci sediamo a terra, le differenze non esistono più”.

 

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.