16 ottobre 2017 - Ferrara, Cronaca

Ferrara, incendio alla Bofrost: ammontano a oltre 2 milioni e mezzo i danni stimati

Cause in corso di accertamento

Nell’incendio divampato la mattina del 15 ottobre alla filiale di Ferrara della Bofrost di via Sutter sono andati completamente distrutti il capannone di proprietà di Bofrost Italia e una decina di mezzi dell’azienda, spiega la stessa azienda in un comunicato stampa.

"Le prime stime dei danni ammontano a oltre due milioni e mezzo di euro per quanto riguarda edificio e mezzi, mentre per il contenuto si procederà nella giornata di domani a fare la stima degli inventari per capire l’entità del danno della merce in giacenza presso la filiale".

"Ci stiamo già organizzando per ripartire subito con l’attività -spiega Gianluca Tesolin, amministratore delegato di Bofrost Italia, che oggi è passato da Ferrara per rendersi conto di persona di quanto accaduto-. Stiamo creando un supporto che verrà dato dalle filiali vicine, ovvero Bologna e Este".

Il capannone, di proprietà di Bofrost, per una porzione era affittato alla locale filiale di un'altra azienda.

Alle 18 di ieri i vigili del fuoco erano ancora al lavoro "per spegnere i focolai che covano sotto le strutture crollate e ancora non è stato possibile risalire alla causa che ha innescato l’incendio né da dove siano partite le fiamme. L’unica cosa certa è che quando i soccorsi sono arrivati sul luogo, questa mattina, l’intero capannone bruciava uniformemente.

Confermato che non ci sono feriti e che 18 dei 28 furgoni in dotazione alla filiale di Ferrara della Bofrost si sono salvati perché erano parcheggiati all’esterno dell’area.

Sono 33 le persone che lavorano nella filiale di Bofrost: 28 venditori e 5 tra responsabili e personale d’ufficio".

Da martedì l’operatività di consegne e vendite è tornata a pieno regime.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.