10 giugno 2010 - Ferrara, Cronaca

Verso una Legge Regionale per le Università

Confronto tra gli atenei dell'Emilia Romagna: "Investire sui dottorati di ricerca"

Nella giornata di ieri presso la Regione Emilia Romagna, l’Assessore regionale alla Scuola, formazione professionale, università e ricerca e lavoro, Patrizio Bianchi, ha convocato i Delegati rettorali alla ricerca delle quattro Università emiliano romagnole, Ferrara, Bologna, Modena e Reggio e Parma. L’incontro ha costituito l’avvio di un confronto tra gli Atenei e la Regione che intende promuovere al più presto una legge regionale che contribuisca a definire i futuri scenari universitari, la ricerca e l’alta formazione.

La discussione in particolare si è concentrata sul tema del dottorato di ricerca rispetto al quale vi è una forte convergenza tra le Università emiliano romagnole. In particolare sono state individuate due possibili tipologie di corsi di dottorato di ricerca, uno fortemente orientato al mondo produttivo e con una forte caratterizzazione empirica, il secondo legato alla ricerca di base. Questi temi saranno quanto prima sottoposti al vaglio di una Commissione regionale nell’ottica di dar seguito ad un disegno di consolidamento dell’intero sistema della ricerca e dell’alta formazione del territorio regionale. “La Regione – afferma Bianchi – intende investire e dedicare risorse al dottorato di ricerca, che deve formare giovani che svolgeranno attività di elevata qualificazione in ambito internazionale, in strutture di ricerca scientifica avanzata, sia di base sia applicativa”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Accadde oggi