27 settembre 2017 - Ferrara, Economia & Lavoro

Camere di Commercio di Ferrara e Ravenna, le associazioni si confrontano sull'accorpamento

Oggi l'incontro nel capoluogo romagnolo

Il mondo associativo si confronta in vista dell'avvio della procedura di accorpamento tra le Camere di commercio di Ravenna e Ferrara.

Nel pomeriggio di mercoledì 27 settembre nella Sala Cavalcoli della Camera di Commercio di Ravenna ha avuto luogo  un incontro tra i rappresentanti delle associazioni di categoria dei territori ravennate e ferrarese, è spiegato in una nota. L'obiettivo dell'incontro, avvenuto in un clima sereno e collaborativo, è stato quello di definire tempistiche e modalità della procedura di accorpamento a cui si apprestano le due Camere di commercio, condividendo  i dati sulla rappresentatività dei settori pubblicati recentemente dal Ministero dello sviluppo Economico e avviando il confronto su possibili ipotesi di apparentamenti.

Al commissario ad acta, dott. Mauro Giannattasio, nominato con il decreto 8 agosto 2017 pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 19 settembre, spetterà innanzitutto il compito di adottare la norma statutaria che definisce la ripartizione dei consiglieri camerali tra i differenti settori di attività economica tenendo conto della loro rappresentatività sul territorio.

Successivamente, comunque entro 120 giorni dall’entrata in vigore del decreto, quindi entro il 17 gennaio 2018, il commissario dovrà avviare formalmente le procedure di designazione e nomina dei consiglieri, pubblicando l'avviso all’albo camerale e sul sito istituzionale di entrambe le Camere.

Dopo questo primo momento di confronto dedicato nello specifico alle categorie economiche saranno coinvolti anche i rappresentanti dei lavoratori, dei consumatori e dei liberi professionisti.

I consiglieri in rappresentanza dei settori economici della nuova Camera di commercio di Ferrara-Ravenna saranno 30 ai quali si aggiungeranno i 3 rappresentanti di sindacati, consumatori e professioni. La Giunta sarà invece composta da sette componenti più il presidente.

Una norma transitoria della riforma prevede infatti che le disposizioni relative alla riduzione del numero dei consiglieri camerali, 25 consiglieri per Camere con oltre 80.000 imprese, siano applicate alle nuove Camere a partire dal primo rinnovo dei loro consigli successivo a quello della loro costituzione.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.