21 settembre 2017 - Ferrara, Cronaca

Anche Ferrara sottoscrive la "Dichiarazione dei Diritti del Ciclista Urbano"

A firma del sindaco Tagliani

"Tutti devono poter circolare in bicicletta". E' questo l'assunto su cui si fonda la "Dichiarazione dei Diritti del Ciclista Urbano" che anche Ferrara ha voluto sottoscrivere, con la firma ufficiale del sindaco Tiziano Tagliani, nell'ambito della Settimana europea della Mobilità sostenibile in corso fino al 22 settembre.
Elaborato da Legambiente e da Rete Mobilità Nuova il documento è stato presentato per la prima volta lo scorso 15 settembre a Pesaro nel corso di una due giorni dedicata proprio alla mobilità nuova. Per la sua stesura i redattori hanno preso spunto (aggiornandone i contenuti e adattandoli al contesto italiano) dalla The Amsterdam Declaration: the right to use the Bicycle del 2000 e dalla successiva Declaraciòn de Sevilla sobre el uso de la bicicleta del 2009.
La Dichiarazione contiene elementi generali utili per lo sviluppo della 'ciclabilità' in ambito urbano a partire dal diritto fondamentale di tutti di potersi muovere in bicicletta. Il documento punta inoltre alla nascita di una Rete di Città Ciclabili Italiane e - in collaborazione coi Comuni e le altre realtà istituzionali che sottoscriveranno la dichiarazione - alla definizione di una serie di azioni che, nel breve e nel medio periodo, siano capaci di far crescere sia il numero di utenti della bicicletta in ambito urbano sia il cicloturismo.
Le città firmatarie si impegnano a definire entro la fine del 2017 i propri obiettivi per il 2018 e per il triennio successivo, per far sì che i principi contenuti nella Carta di Pesaro trovino attuazione sul proprio territorio.

 

 

Tag: bici

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.