18 aprile 2017 - Ferrara, Cronaca

Ferrara, al via le celebrazioni per la Liberazione

Il programma delle iniziative

Ferrara celebra l'anniversario della Liberazione. Con l'inaugurazione della mostra "Arte e impegno civile. Trude Waehner. 60 xilografie", opere donate dal maestro Franco Farina all'Istituto di Storia Contemporanea, si aprirà giovedì 20 aprile alle 17 nel salone d'onore del Comune di Ferrara la serie di appuntamenti proposti dal Comitato Ferrarese per le Celebrazioni del 72° anniversario della Liberazione - 25 Aprile 2017, spiega il Comune in una nota.

Il programma, che si concluderà martedì 2 maggio con il concerto "Bella ciao" al teatro comunale 'Claudio Abbado', comprende diverse iniziative culturali, tra mostre, conferenze e proiezioni, una sfilata in città di veicoli storici e militari, con corazzati e figuranti in uniforme delle truppe anglo-americane ('La colonna della libertà 2017' - lunedì 24 aprile). Le tradizionali cerimonie commemorative culmineranno nella giornata di martedì 25 aprile in piazza Cattedrale e piazza Municipale alla presenza di autorità civili e militari.

Due anche gli appuntamenti per ricordare il 72° anniversario degli Eccidi di Porotto: sabato 22 aprile alle 10 l'omaggio al cippo di via Ladino con la partecipazione degli studenti della scuola secondaria De Pisis e martedì 25 aprile l'omaggio al cippo di via Tagliaferri, alla presenza delle autorità. 

Il Comitato per le Celebrazioni 25 Aprile è composto, oltre che da Comune e Prefettura di Ferrara, da Anpi, Associazione Partigiani cristiani, associazioni Combattentistiche e Patriottiche, associazioni Culturali e no profit, autorità religiose, Comunità Ebraica, Istituto di Storia contemporanea, istituzioni scolastiche, movimenti femminili, Museo civico del Risorgimento e della Resistenza, rappresentanze delle Forze dell'ordine e militari e Ufficio scolastico provinciale.

 

INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA  "Arte e impegno civile. Trude Waehner. 60 xilografie", Giovedì 20 aprile alle 17 - Salone d'Onore della Residenza municipale 

(Comunicazione a cura degli organizzatori) Per celebrare l'anniversario della Liberazione italiana dal nazifascismo, l'arte si trasforma in partecipazione attiva, testimoniando i temi civili più urgenti del nostro tempo tramite le immagini dell'artista viennese Trude Waehner. Giovedì 20 aprile, alle 17, nel Salone d'Onore della Residenza municipale, sarà inaugurata la mostra "Arte e impegno civile. Trude Waehner. 60 xilografie", promossa dall'Istituto di Storia Contemporanea con il patrocinio del Comune di Ferrara, e a cura di Massimo Marchetti e Caterina Pocaterra. L'esposizione è costituita da una serie di xilografie realizzate nei primi anni Settanta e provenienti dalla collezione di Franco Farina, che ha voluto generosamente donarle all'Istituto. Non si possono ignorare gli entusiasmi e le associazioni storiche di una donna in grado di rendere Gesù va dal giudice o Matteotti aggredito, Gòlgota o Auschwitz e ancora La fuga in Egitto o emigrazione.

Il segno espressionista di Trude Waehner (1900-1979) è maturato in un contesto culturale di opposizione nazismo, vissuta coraggiosamente all'interno del regime stesso. La resistenza contro la cultura ufficiale e il conformismo politico portò l'artista a intervenire in prima persona alle lotte di liberazione del proprio paese e, nei decenni successivi, a dare ancora voce attraverso la sua opera a quelle per i diritti civili. «Le mio opinioni erano un sacrilegio per gli ‘isti' che cercavano di stigmatizzarmi come reazionaria. Non c'era mai stato, è quanto mi parve allora, e a più forte ragione oggi, così poco coraggio civico e tanta paura di passare per vecchiotto nel non voler seguire la linea proprio di moda. Come se l'arte fosse un vestito o, perfino, un'uniforme. Perché l'uomo è debole ed è per questo che nello stesso giorno egli rinnega tre volte il suo prossimo e quanto ha di meglio in se stesso», l'artista si definiva così nel '71.

Di tutto questo la Waehner ha lasciato una preziosa testimonianza nella produzione grafica e pittorica che rappresenta un giudizio sulla verità dei fatti e sui loro effetti maturati nelle singole coscienze. Il suo discorso, accurato e compiuto, affonda le radici nei racconti biblici della creazione, nei Vangeli e nell'Apocalisse giovannea, ma trascende la spiritualità religiosa per recuperare il pensiero evangelico rivoluzionario di impegno salvifico, volto alla costruzione di giustizia sociale e di libertà per l'uomo. «Il grido d'allarme della pittrice viennese è acuto, quasi un canto tragico sulla possibile vera decadenza dell'umanità; e se poteva apparire decadente, soltanto all'esterno, quel modo d'esistenza o quello stile che intendeva mostrarne un volto letterario e iconico, Trude contata che decadente è invece ciò che precede l'irrazionalità di ogni forma di razzismo o l'assurda ipotesi di un paradiso terrestre di sovraumane divinizzazioni», argomentò a proposito don Franco Patruno, che curò il volume La resistenza della Creazione (Book, 2000). La rassegna ha quindi intenzione di proporre allo sguardo del pubblico quelle atmosfere drammatiche per fare emergere il nesso che esiste fra denuncia, impegno e opera d'arte, confermando come le tensioni sociali e politiche esercitino la loro influenza sull'espressività dell'artista, e come la cultura in genere debba essere al servizio della storia al fine di rinvigorire azione e memoria.

La mostra resterà aperta fino a giovedì 11 maggio con i seguenti orari: dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 18, esclusi sabato e festivi. L'ingresso è libero. Per informazioni scrivere a istitutostoria.ferrara@gmail.com, i.cambi@comune.fe.it

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.