22 febbraio 2017 - Ferrara, Cultura e Spettacoli

Alessio Boni e Marcello Prayer, "I Duellanti" a teatro

Al Comunale lo spettacolo ispirato al romanzo di Conrad e al film di Ridley Scott

Prosegue la stagione di prosa 2017/2017 del Teatro Comunale di Ferrara: va in scena lo spettacolo I duellanti di Joseph Conrad, giovedì 23 e venerdì 24 febbraio in abbonamento, con replica fuori abbonamento sabato 25 febbraio, sempre alle ore 21. Come è spiegato in una nota stampa, a "partire dalle suggestioni del romanzo dello scrittore polacco e del film omonimo che Ridley Scott realizzò nel 1977, I duellanti  nasce dal lavoro collettivo di Alessio Boni che, oltre alla regia con Roberto Aldorasi, dà vita a D'Hubert, ruolo che fu di Keith Carradine, mentre Marcello Prayer incarna l'iroso, irriducibile Feraud. Traduzione e adattamento sono di Francesco Nicolini, che con gli altri tre firma anche la drammaturgia. In scena anche Francesco Meoni e la violoncellista Federica Vecchio.

 

L’idea cardine su cui su cui Conrad costruì The Duel è che i due avversari non si fronteggiano sugli opposti versanti del campo di battaglia, ma sono ufficiali dello stesso esercito, la Grande Armée di Napoleone Bonaparte. Ussari, per l’esattezza: Gabriel Florian Feraud, guascone iroso e scontento, e Armand D’Hubert, posato e affascinante uomo del nord. Per motivi a tutti ignoti e in realtà banalissimi, al punto da rasentare il ridicolo, i due inanellano sfide a duello che li accompagnano lungo le rispettive carriere, senza che nessuno sappia il perché di questo odio così profondo. E, proprio per il mistero che riescono a conservare, i due diventano famosissimi in tutto l’esercito napoleonico: non tanto e non solo per i meriti sui campi di battaglia di tutta Europa, quanto per la loro eroica fedeltà alla loro sfida reciproca, che li accompagnerà per vent’anni, fino al duello decisivo".

“Ossessione – racconta Boni – è la parola chiave di questo lavoro. Si dice ’L'amore è passione. La scherma è scienza ma il duello è l'ossessione’. Noi abbiamo voluto dare un corpo e un luogo alle ossessioni dei due protagonisti. È un grande gioco di specchi e di doppi: Feraud è il doppio di D'Hubert e viceversa. Quello che è l'uno non è l'altro. D'Hubert invidia la libertà e la caparbietà di Feraud e vorrebbe essere come lui, invece costruisce il proprio successo e la sua brillante carriera tradendo i suoi principi. Questa non è solo la storia del romanzo di Conrad ma anche quella di due pazzi fuori dal tempo che, in una sorta di Fight Club ante litteram, giocano avidamente a farsi a pezzi, senza riuscire a smettere. Aldorasi ed io abbiamo cercato una regia cinematografica, fatta più di assolvenze e dissolvenze che di entrate e uscite, e visionaria, dove il passato è nel futuro e viceversa. Tutto accade in un non luogo che non sa di Ottocento ma piuttosto di uno scantinato di New York nel 2015 dove i due protagonisti si travestono e si possono scontrare all'ultimo sangue”.

 

Ad approfondire i temi dello spettacolo è in programma giovedì 23 febbraio alle ore 17 al Ridotto del Teatro Comunale la proeizione del film I Duellanti di Ridley Scott, pellicola del 1977 che vede come protagonisti Keith Carradine, Harvey Keitel e Albert Finney. Venerdì 24 alle ore 17, al Ridotto del Teatro, è inoltre previsto un incontro con la compagnia introdotto da Fabio Ziosi, giornalista e critico teatrale.

 

 

Info e vendita www.teatrocomunaleferrara.it, biglietteria tel 0532 202675.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.