10 ottobre 2016 - Ferrara, Cronaca

Droga nelle scuole, il ruolo della Polizia nella prevenzione

Martedì 11 ottobre un convegno nella Sala Estense

Domani, martedì 11 ottobre nella Sala Estense in Piazza Municipale, in collaborazione con la Onlus Acaref, si svolgerà il Convegno organizzato dal Questore della Provincia di Ferrara.

Come spiega la Questura in una nota, il programma dell’evento -  nell’ambito dell’emergenza educativa costituita dal consumo di droga tra i giovani e dai dati che testimoniano la riduzione dell’età dei ragazzi che ne fanno uso - intende focalizzare l’attenzione sul ruolo della Polizia di Stato, chiamata a far rispettare le leggi ed a perseguire i reati, ma nel contempo capace di aprire un dialogo con i giovani al fine di prevenire detti fenomeni. Concluderà i lavori il Vice Capo Vicario della Polizia, Prefetto Luigi Savina.

 

Il Questore della Provincia di Ferrara, evidenzia la nota, ha fortemente voluto questo convegno per toccare tre aspetti fondamentali: le droghe fanno male;

  • la Polizia di Stato, oltre al doveroso impegno nella repressione, in ottemperanza alle leggi vigenti, concorre insieme a ricercatori ed esperti ad interventi didattici nelle scuole, su richiesta dei Dirigenti Scolastici;

  • gli stessi Dirigenti hanno richiesto molto spesso, nell’ultimo anno scolastico, a Ferrara, interventi anche all’esterno delle scuole, con unità cinofile e controlli: si tratta di una vera e propria emergenza educativa che, Ferrara, trova unite le Istituzioni della Scuola e della Polizia di Stato: prevenire e divulgare la conoscenza degli effetti delle sostanze stupefacenti.

"Si parla di droga, domani, eppure non c’è lo spacciatore del giorno a fare notizia ma il fatto che la droga si stia diffondendo a scuola: cresce il consumo di eroina tra i 15enni. Dal 2014 al 1015 è raddoppiato mentre è diminuito nella fascia di età fino al 19enni. In un anno (dal 2014 al 2015) è raddoppiato il consumo di eroina tra gli studenti italiani quindicenni. Secondo l’ultimo rapporto dell’European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs, realizzato insieme all‘Istituto di fisiologia clinica del Cnr a Pisa, l’utilizzo di eroina tra gli studenti di questa età è raddoppiato mentre se si considerano tutti gli studenti delle superiori tra 15 e 19 anni si è registrata una leggera diminuzione (dall’1,3% all’1%). L’indagine ha coinvolto circa 30 mila ragazzi italiani tra i 15 e i 19 anni. 

 

Nuove sostanze

La stima che se ne ricava è che 650 mila studenti delle superiori (cioè uno su quattro) nell’ultimo anno hanno fatto uso di almeno una sostanza illegale (cannabis, cocaina, eroina, allucinogeni o stimolanti).

Dimenticate Trainspotting, il film di Danny Boyle degli anni ‘90 sui “tossici” vecchia maniera. Tutto è cambiato, nel mondo dello «sballo».

Eroina e cocaina esistono ancora e sono perfino più pericolose di 20 o 30 anni fa. Ma oggi fanno la parte del leone le nuove sostanze psicoattive, pasticche per rimanere su di giri durante la notte che si comprano per pochi spiccioli ovunque, nel mondo reale e sul web. Il drogato non è più l’emarginato che si riconosce da lontano, ma il ragazzo insospettabile che pensa di avere una marcia in più con qualche milligrammo di chimica in corpo.

E’ a partire dalla scuola che si combatte la piaga della droga, informando e formando, non allentando mai la guardia. Perché l’uso e l’abuso di sostanze stupefacenti è tanto più pericoloso se coinvolge i ragazzi. Gli argomenti che verranno trattati in questo convegno sono purtroppo di grande attualità e coinvolgono le fasce giovanili delle nostra Comunità. A noi tutti, e la Polizia di Stato vuol fare la sua parte, spetta, pertanto, il compito di aprire il dialogo con i giovani al fine di prevenire fenomeni come quelli di cui si parlerà al convegno. L'uso di droghe tra i giovani, uccide le loro speranze, per questo dobbiamo fare in modo con la prevenzione, che riprendano in mano la loro vita.

La Polizia di Stato, naturalmente, è chiamata a fare rispettare le leggi e la Costituzione, e a perseguire i reati, ad iniziare da quelli dello spaccio di sostanze stupefacenti e di quelli commessi in preda all'abuso di alcool. Ma la Polizia di Stato vuole anche lanciare un messaggio ai ragazzi: porsi sempre davanti nella vita un solo principio: quello del rispetto personale e degli altri.

L’obiettivo del Convegno, infine, è quello di creare un’alleanza sempre più forte tra le diverse componenti delle istituzioni perché la collaborazione tra tutte le forze in campo è fondamentale.

Il tema educativo e quello della presenza dello Stato. Le forze dell’ordine sono chiamate, almeno nella Provincia di Ferrara è stato così, a proseguire nella loro presenza con uomini in divisa e cani antidroga fuori dalle scuole, ma all’interno del perimetro scolastico, così come è stato fatto finora. Il messaggio che ci è arrivato dalle scuole e dai presidi è che non bisogna aver paura della presenza dello Stato. Dobbiamo aver paura dei nostri ragazzi che si drogano, che devastano la loro vita e le loro famiglie. E la Polizia di Stato è pronta a fare la sua parte.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.