7 giugno 2010 - Ferrara, Cronaca

Rubavano birra sul lavoro per arrotondare lo stipendio

Due uomini incensurati scoperti dai carabinieri dopo la denuncia del titolare

Da più di un mese una ditta di distribuzione di bevande di livello nazionale continuava a verificare ammanchi di bancali e fusti di birra alla spina. La situazione stava cominciando ad assumere una certa proporzione in termini economici, con circa 10mila euro di perdite, così il legale rappresentante della ditta ha sporto denuncia ai carabinieri del Norm, riferendo tempi e modalità presunte degli ammanchi, cioè particolari che si sono rivelati importanti per le indagini dei militari.

Ecco allora che nel pomeriggio di venerdì scorso, 4 giugno, scatta l’operazione: militari del Norm, appunto, e della Stazione di S. Martino, hanno organizzato un apposito servizio di osservazione e pedinamento, filmando le varie operazioni dei due sospettati. Si tratta di un 55enne autista della ditta, incensurato, e di un 50enne di Occhiobello, magazziniere e anch’egli incensurato. I due, approfittando delle fasi in cui il magazzino era meno frequentato, anche e soprattutto all’atto della chiusura, sottraevano pedane e fusti e li rivendevano come ferrovecchio a ditte del settore ignare della provenienza illecita dei beni, che venivano acquistati a peso. Nello specifico la vendita di 24 fusti, lo scorso venerdì, aveva fruttato loro 260 euro, una cifra che ripetuta nel tempo, gli consentiva di arrotondare lo stipendio.

Colti con le mani nel sacco i due hanno ammesso le loro responsabilità anche per gli episodi precedenti. Arrestati in quanto responsabili del reato di furto aggravato continunato in concorso, sono stati entrambi portati in carcere a disposizione dell'autorità giudiziaria che ne ha disposto la "direttissima", nel corso della quale i lavoratori della ditta hanno chiesto il patteggiamento. Oltre alla condanna, i due lavoratori infedeli rischiano il posto di lavoro.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.