25 novembre 2015 - Ferrara, Economia & Lavoro

Petrolchimica, "il quadrilatero padano deve rimanere competitivo"

Un incontro in Regione

L'obiettivo è mantenere la competitività del quadrilatero padano, con i poli petrolchimici di Porto Marghera Mantova, Ferrrara e Ravenna. Così dalla Regione proviene la richiesta di un incontro urgente con il ministro dello Sviluppo economico, possibilmente insieme alle Regioni Veneto e Lombardia. L'ente emiliano-romagnolo intende conoscere la volontà del Governo nei settori strategici della chimica e dell'energia. Si è svolto in Regione un incontro per discutere della situazione del settore della chimica e della energia ed in particolare della situazione e delle prospettive degli insediamenti di Ravenna e di Ferrara. Al tavolo – convocato dall’assessore alle Attività produttive Palma Costi - sono intervenuti, spiega la Regione, i rappresentanti istituzionali dei Comuni e delle Province di Ravenna e Ferrara, i rappresentanti di Unindustria Ferrara e Confindustria Ravenna e i rappresentanti delle organizzazioni sindacali Femca-Cisl, Filctem-Cgil e Uiltec-Uil di Ravenna e Ferrara. Nell’occasione si è dato conto dell’incontro con ENI e ENI-Versalis del 17 novembre scorso alla presenza degli assessori regionali Palma Costi e Patrizio Bianchi ed un rappresentante del ministero dello Sviluppo economico.
Tra le richieste indirizzate al Governo anche "la garanzia del mantenimento del ciclo dell'etilene per non pregiudicare i due petrolchimici emiliano-romagnoli e le produzioni manifatturiere della filiera ma anche l’estrema urgenza di portare al tavolo del Governo la necessita di confermare i piani di investimento di ENI e ENI-Versalis e le puntuali informazioni riguardo le caratteristiche e le garanzie che stanno alla base della ricerca di un partner privato nella compagine societaria di Versalis.
L’assessore regionale Palma Costi ha annunciato al termine dell’incontro che ha accolto l'invito fatto da Filctem-Cgil, Femca-Cisl e Uiltec-Uil Emilia Romagna a intervenire, a Roma il prossimo 5 dicembre, all'Assemblea nazionale indetta dal coordinamento sindacale unitario del gruppo Eni, alla presenza dei segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.