17 giugno 2015 - Ferrara, Cento, Agenda, Cronaca

Tutto pronto per la "giornata mondiale del rifugiato"

Presentate in residenza municipale le iniziative in programma a Ferrara e Cento

Sono state ufficialmente presentate questa mattina, mercoledì 17 giugno nella sala dell'Arengo della residenza municipale, le iniziative organizzate e messe in campo da istituzioni, enti, coperative sociali e associazioni che operano nel territorio ferrarese, in occasione della "Giornata Mondiale del Rifugiato" prevista per il 20 giugno.

Alla presentazione sono intervenuti insieme all'assessora comunale alla sanità e servivi alla persona Chiara Sapigni, Massimo Manderioli (assessore servizi alla persona, associazionismo e volontariato politiche familiari comune di Cento), Anna Baldoni (presidente cooperativa sociale Camelot), Don Domenico Bedin (presidente associazione viale K, associazione Filippo Franceschi), Giuseppe Sarti (istituto Don Calabria Città del Ragazzo), Maurizio Pesci (Asp-Ferrara).

Ferrara da anni contribuisce alle attività di accoglienza, protezione,integrazione di cittadini stranieri richiedenti asilo e Rifugiati , nella Provincia di Ferrara , tramite il Centro Servizi Integrati per l'Immigrazione - Csii - i progetti Sprar e l' accoglienza di flussi non previsti come l'operazione Mare Nostrum.

Per la "Giornata Mondiale del Rifugiato", sono in programma alcune attività ed eventi che gli organizzatori descrivono come opportunità "per provare, attraverso il dialogo e la conoscenza, a superare il clima di diffidenza e talvolta di ostilità che si sta creando attorno a chi arriva fino a qui chiedendo aiuto, in fuga dal proprio paese a causa di persecuzioni, per ragioni politiche, religiose o razziali".
Le iniziative sono realizzate in collaborazione con Comune di Ferrara, Comune di Cento, Servizio centrale SPRAR, Arci, Centro servizi integrati per l'immigrazione, Legacoop, Cooperativa Camelot.

Il programma.

 

Giovedì 18 giugno alle 17.30 ci sarà un incontro nel giardino delle Duchesse (in caso di maltemo alla sala Estense, piazza Municipio) dal titolo "Il diritto d'asilo dal globale al locale: l'esperienza della provincia di Ferrara".

Interverranno: Chiara Sapigni, Assessore Sanità, Servizi alla Persona, Politiche Familiari Comune di Ferrara; Jacopo Sarti, Coordinatore progetti di accoglienza richiedenti asilo e rifugiati Cooperativa Sociale Camelot; Don Domenico Bedin, associazione Viale K, gruppo Monsignor Filippo Franceschi, coop Matteo 25; Bianca Lubreto, Prefettura di Bologna; Beppe Sarti, Istituto Don Calabria Città del Ragazzo.

Il 18, 19 e 20 giugno, sempre nel giardino delle Duchesse, rimarrà allestita la mostra (ri)SCATTI, che espone le fotografie realizzate da rifugiati e richiedenti asilo, durante un laboratorio attivato dalla Cooperativa Camelot e tenuto dai fotografi Sandro Chiozzi, Matilde Morselli e Guendalina Mantovani.

 

Venerdì 19 a partire dalle 11 ci sarà la giornata di "Porte aperte all'accoglienza" nella struttura di accoglienza "Jerry Masslo" gestita da Camelot. Sarà l'occasione per visitare di persona una delle case dove vivono i richiedenti asilo, incontrarli e ascoltare direttamente le loro storie. Per partecipare all'iniziativa, è necessario prenotarsi entro le 18 del 18 giugno. Chi fosse interessato è pregato di inviare email a ufficiostampa@coopcamelot.org. In caso di elevata richiesta, si procederà ad istituire più turni di visita. L'iniziativa si svolgerà anche in caso di pioggia.

 

Sempre venerdì 19, ma alle 21.30, nel piazzale della Rocca a Cento, ci sarà il concerto di Sourakhata Dioubate & Anyewa Mandegi, con musiche e balli africani. Uno spettacolo con strumenti tradizionali e colorate coreografie per diffondere l'essenza della ricca cultura del popolo mandingo. Interverranno Massimo Manderioli, Assessore servizi alla persona, Associazionismo e volontariato, Politiche familiari del Comune di Cento, Jacopo Sarti, Coordinatore progetti di accoglienza richiedenti asilo e rifugiati Cooperativa Sociale Camelot; Anila Laboviti, del Centro contro le discriminazioni del Comune di Cento.

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.