1 giugno 2010 - Ferrara, Cronaca

Polizia Municipale a scuola per parlare di sicurezza

Presentato il consuntivo annuale dei progetti educativi

“Compito dell’Amministrazione comunale è quello di accompagnare all’attenzione delle strutture della viabilità un’attenzione agli aspetti educativi della sicurezza stradale, che il mondo della scuola per mancanza di condizioni tecniche o formative idonee non può svolgere.” Così il sindaco Tiziano Tagliani ha aperto ieri, a fianco della comandante della Polizia Municipale Laura Trentini e degli agenti coinvolti nel nucleo operativo, la presentazione del consuntivo annuale dei progetti di educazione alla sicurezza stradale svolti nelle scuole dal Corpo di polizia municipale del Comune di Ferrara.

“L’educazione stradale rivolta ai giovanissimi del nostro territorio è da sempre uno dei momenti fondamentali della nostra attività – ha confermato la comandante prima di passare ad illustrare i dettagli - e progetto pienamente sostenuto dall’Amministrazione. Nel corso dell’anno scolastico abbiamo coinvolto nelle nostre iniziative educative 2436 studenti di 110 classi, per un totale di 195 ore (erano state 108 nel 2009 e 98 nel precedente). Abbiamo poi ampliato – ha aggiunto – il nostro spazio d’azione e raggiunto il mondo degli adulti, sia con lezioni sulle novità del Codice della strada per i frequentatori dell’Università della terza età, sia con scambi sul rapporto fra abuso di alcol e guida sicura con genitori e ragazzi, in sinergia con Promeco e Sert. Da settembre inoltre, in collaborazione con il Centro di Mediazione del Grattacielo daremo inaugureremo un progetto destinato ad adulti e minori stranieri, per trasmettere anche a loro la conoscenza delle buone regole del Co! dice della strada”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.