18 dicembre 2014 - Ferrara, Politica

"Comuni e Regione si mobilitino per i lavoratori delle Province"

L'intervento del parlamentare Giovanni Paglia (Sel)

"Il Governo Renzi aveva promesso di abolire le Province, senza mai chiarire chi dovesse svolgerne le importanti funzioni di raccordo e gestione di servizi". L'onorevole Giovanni Paglia, Sel, interviene con una nota sulla situazione degli enti intermedi, evidenziando la situazione dei lavoratori.
"Intanto si è limitato a trasformarle in organismi non democratici, cancellando il voto dei cittadini, e ora si appresta a metterne in mobilità migliaia di dipendenti.
E' questo infatti il risultato di una finta riforma che trasferisce a Regioni e Comuni le competenze senza tuttavia prevedere le risorse per l'acquisizione del personale, ma limitandosi al contrario a pesantissimi tagli lineari su tutti gli enti locali.
In queste condizioni non si capisce proprio come qualcuno possa rassicurare i lavoratori sulla continuità della loro occupazione e i cittadini sulla possibilità di avere garantiti i servizi a cui sono abituati".
E' necessario, conclude Paglia, "che la Regione e i Comuni del nostro territorio si mobilitino immediatamente, come i lavoratori stanno già facendo e così SEL in Parlamento, per pretendere che siano garantiti chiarezza normativa sulle funzioni e soprattutto il ripristino delle risorse finanziarie necessarie.
Se così non fosse, significherebbe che il Governo ha deciso di finanziare sgravi fiscali a pioggia per le imprese con l'avvio dei licenziamenti di massa nel pubblico impiego".

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.