17 luglio 2014 - Ferrara, Cronaca, Politica

Ferrara per la Palestina

Ferrara - Le notizie che giungono da Gaza in queste ore sono drammatiche. I morti sono alcune centinaia, di cui non meno di 50 bambini.
I feriti affollano i centri di accoglienza sanitari che faticano, con le poche e scarse dotazioni, a fare fronte alle migliaia di richieste. Almeno 500 abitazioni sono state rase al suolo. Una intera popolazione disperata, in preda al panico e senza protezione umanitaria.

Fermiamo questo scempio. Israele deve fermare immediatamente l’operazione militare e ritornare al tavolo del negoziato.

Chiediamo al nostro Governo e al Presidente del Consiglio, che oggi presiede anche l’Unione Europea che si adoperino, con tutti gli strumenti della diplomazia e della pressione politica ed economica, per fermare questa ennesima ed intollerabile ondata di morti e di violenze.

Chiamiamo alla mobilitazione le donne e gli uomini che credono nella pace e nella nonviolenza, chiedendo :

• la cessazione immediata dei bombardamenti e delle rappresaglie, per contenere e mettere fine alle vendette di ogni parte;
• l’assunzione da parte della politica e della comunità internazionale di un ruolo attivo e di mediazione per la fine dell’occupazione militare israeliana e la colonizzazione del territorio palestinese, per il rispetto dei diritti umani, della sicurezza e del diritto internazionale in tutto il territorio che accoglie i popoli di Israele e della Palestina;
• che il governo italiano si attivi immediatamente affinché il nostro Paese e i Paesi membri dell’Unione Europea interrompano la fornitura di armi, di munizioni, di sistemi militari, come pure ogni accordo di cooperazione militare con Israele;
• che il nostro governo, oggi alla Presidenza dell’Unione Europea, assuma questi impegni con determinazione e coraggio.

Paolo Calvano – Segretario Provinciale PD Ferrara

Renato Finco – Segretario Comunale PD Ferrara

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.