27 marzo 2014 - Ferrara, Politica

La Presidente della Provincia di Ferrara: "ddl Delrio, sappiamo come finisce il film"

Ferrara - Non c'è alcuna sorpresa nelle dichiarazioni che la presidente della Provincia di Ferrara, Marcella Zappaterra, ha rilasciato sull'approvazione in Senato del ddl Delrio sulla riforma delle Province.
In una nota alla stampa la Zappaterra ha scritto: “L’approvazione al Senato del ddl Delrio non mi stupisce. La scelta politica sulle Province è stata compiuta da tempo. È, infatti, dal 2011 che triboliamo pensando di dovere andare a casa ogni fine anno. In realtà fino a ieri l’unica decisione presa è stata quella di tagliarci le risorse per gli investimenti necessari al territorio. Oggi sappiamo come finisce il film.
Come ho già detto già alcuni mesi or sono, io andrò a lavorare nel privato.
Se si ritiene che debba rimanere fino al 31 dicembre 2014, perché è utile al territorio che resti piuttosto che in Provincia sia nominato un commissario, sono anche disponibile a farlo.
Non nego, però, che a preoccuparmi non è tanto la gratuità, quanto il pensiero di restare da sola fino alla scadenza del mandato a firmare atti, prendere decisioni e assumermi responsabilità, senza copertura assicurativa, dopo quello che è successo questa settimana.
L’idea di dover rispondere – personalmente, patrimonialmente e moralmente – di questioni rispetto alle quali non ho più strumenti per trovare soluzioni, mi preoccupa.
Questo dal punto di vista personale.
Sotto il profilo politico, invece, non posso che sperare che l’Italia funzioni meglio, anche se gli enti locali vengono trattati come le bocciofile, mentre l’apparato statale e la politica nazionale rimangono tali e quali”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.