21 febbraio 2014 - Ferrara, Cronaca, Politica

Dario Franceschini è il nuovo Ministro alla Cultura

Ferrara - Dario Franceschini è il nuovo Ministro ai Beni e alle attività Culturali: colpo grosso per il politico ferrarese esportato a Roma. Franceschini, che solo diciotto mesi fa aveva subito un attacco frontale e diretto dall'allora "Rottamatore" Renzi, è entrato di pieno diritto nell'esecutivo, probabilmente proprio per il suo legame con un territorio ricco di storia e cultura (leggi articolo).

Nel nuovo Governo ci sono sedici ministri, otto uomini e otto donne: il premier più giovane della storia d'Italia, con i suoi 39 anni ha sceto la sua squadra.

Sottosegretario alla presidenza del Consiglio sarà nominato domani Graziano Delrio, all'Economia ci sarà Pier Carlo Padoan; all'Interno Angelino Alfano (Ncd); agli Affari esteri la PDina Federica Mogherini. Alla Giustizia la scelta è caduta su Andrea Orlando (Pd), alla DifesaRoberta Pinotti (Pd); allo Sviluppo economico Federica Guidi.

Per le infastrutture e trasporti Maurizio Lupi (Ncd); alla Salute  Beatrice Lorenzin (Ncd) ; Politiche agricole Maurizio Martina (Pd); Ambiente - Gianluca Galletti (Udc); Lavoro e politiche sociali - Giuliano Poletti; Istruzione, università e ricerca - Stefania Giannini (Sc); come già anticipato ai Beni e attività culturali in "nostro" Dario Franceschini (Pd).

Riforme e rapporti col Parlamento - Maria Elena Boschi (Pd); Semplificazione e P.a. - Marianna Madia (Pd); Affari regionali - Maria Carmela Lanzetta.

Il Segretario Generale della presidenza della Repubblica Donato Marra, annunciando la nascita del nuovo esecutivo, ha anticipato che il nuovo governo giurerà domani alle 11.30 nel salone delle feste al Quirinale. 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.