10 febbraio 2014 - Ferrara, Cronaca, Economia & Lavoro, Politica

Personale ATA Scuola sul piede di guerra

Ferrara - Il segretario provinciale di UIL Scuola, Paolo accardo, ha spiegato lo stato di agitazione del personale ATA Scuola proclamato dalla segreteria nazionale del sindacato.

Accardi, in una nota alla stampa, sottolinea come "la Uil scuola propone una profonda redistribuzione per organici stabili pluriennali e di rete",  ribadendo  la necessità di un nuovo modello di ripartizione dei posti che garantisca stabilità e certezze al personale e ponga le condizioni per migliori condizioni di esercizio e maggiore qualità del lavoro ATA.

"In data 6 febbraio 2014 si è tenuto un incontro tra i sindacati scuola e il Miur sulla revisione degli organici ATA. - si legg nella nota - I rappresentanti del MIUR hanno fornito un’ulteriore serie di dati riassuntivi relativi alle aggregazioni di posti per tipologia di istituto e per profilo. Da parte sindacale è stata avvalorata l’inadeguatezza del sistema di ripartizione dei posti per scuola."

La UIL Scuola ha quindi chiesto di procedere attraverso una profonda modifica del sistema di distribuzione dell’organico, tenendo conto dei reali bisogni delle scuole e dei nuovi carichi di lavoro, nel rispetto dei vincoli di bilancio sull’entità complessiva della spesa.

Secondo la UIL è "Possibile costituire - a partire dall’organico di fatto - un organico funzionale pluriennale di scuola, dando attuazione alle norme del decreto Monti sulle reti di scuole. Questo consentirebbe – senza costi aggiuntivi - di qualificare personale amministrativo e tecnico per estendere gradualmente l’area tecnica a tutte le scuole e per centralizzare complessi processi amministrativi, come le ricostruzioni di carriere e le pratiche pensionistiche. Un vero e proprio organico di rete. In questo contesto è, inoltre, necessario prevedere la costituzione di posti di area C."

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.