5 febbraio 2014 - Ferrara, Comacchio, Cronaca

Esche avvelenate per animali al Lido delle Nazioni

Ferrara - A seguito delle ripetute segnalazioni circa la presenza di esche avvelenate al Lido delle Nazioni in una superficie che si estende dai bagni “I Camini” e “Thaiti”, alle limitrofe aree dunali, sino alle vie Libia, Liberia, Egitto e Stati Uniti d’America, Il Comune di Comacchio ha inoltrato una nota alla stampa circa lo stato di attenzione sul fenomeno.

"Già nello scorso mese di gennaio il Comando di Polizia Municipale ha trasmesso l’esito degli accertamenti compiuti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ferrara. Vista la frequenza degli episodi segnalati, il Comandante di P.M. dott. Paolo Claps ha predisposto, con passaggio delle pattuglie in ore differenti, controlli costanti della zona interessata, allo scopo di prevenire altri incresciosi episodi come quelli descritti. - sei legge nella nota -  Si fa presente altresì che accanto alla giurisdizione penale, si applica l’articolo 146 del Testo Unico delle leggi sanitarie, che proibisce e punisce la distribuzione di sostanze velenose con la reclusione da 6 mesi a 3 anni e con un’ammenda da 51 a 516 euro."

Il Comune invita chi dovesse rinvenire esche avvelenate di segnalare l’accaduto ad un posto di polizia ( ad esempio: Polizia Locale, Carabinieri, Polizia di Stato, Polizia Provinciale, Corpo Forestale dello Stato) e a NON manipolare mai a mani nude il materiale rinvenuto.

"Si confida nella collaborazione di tutti, al fine di assicurare alla giustizia i responsabili di tali reati - conlude il comunicato -  ma anche per rendere fruibili agli animali domestici le aree interessate dalle segnalazioni, senza che debbano sussistere preoccupazioni di sorta da parte dei proprietari."

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Accadde oggi