14 gennaio 2014 - Ferrara, Cronaca, Politica

Immigrati in Emilia Romagna: pediatra per i bambini "sans papiers"

Ferrara - Scelta di grande civiltà quella fatta dalla Giunta regionale dell'Emilia Romagna che con la delibera 2099 del 2013 ha deciso che anche i figli di migranti senza permesso di soggiorno potranno avere il pediatra di libera scelta.

La novità è stata varata in attuazione di un Accordo Stato-Regioni del dicembre 2012, il cui obiettivo è la realizzazione di iniziative più efficaci per garantire alle persone straniere presenti sul territorio nazionale percorsi uniformi di accesso e di erogazione delle prestazioni sanitarie. In particolare, per quanto riguarda le persone straniere non in regola con le norme relative all’ingresso e al soggiorno, l’Accordo prevede l’iscrizione obbligatoria al Servizio sanitario regionale per i figli minori presenti sul territorio e la possibilità che le Regioni possano prevedere l’assegnazione del pediatra di libera scelta.

In Emilia-Romagna per i figli di migranti senza permesso di soggiorno la scelta del pediatra è a tempo determinato, con validità annuale dal momento dell’iscrizione, ed è rinnovabile di anno in anno fino al compimento del 14° anno di età, purché il bambino sia presente nel territorio regionale. Le eventuali prescrizioni del pediatra si applicano alle prestazioni sanitarie effettuate esclusivamente nelle strutture sanitarie pubbliche della regione e all’assistenza farmaceutica.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.