7 gennaio 2014 - Ferrara, Cultura e Spettacoli, Eventi

"Zurbarán (1598-1664)" da record

Ferrara - Si chiude con numeri da capogiro la mostra Zurbarán (1598-1664) al Palazzo dei Diamanti a Ferrara: 65.274 persone hanno infatti potuto ammirare la prima esposizione mai dedicata in Italia ad uno dei principali protagonisti della pittura del Siglo de oro (50.000 i visitatori preventivati all'apertura).

Nei 115 giorni di apertura la maggior affluenza è stato sabato 4 gennaio:  in un solo giorno infatti i biglietti staccati sono stati 1.969, ma già venerdì 3 gennaio erano stati 1.589, un vero record per essere una giornata infrasettimanale. I ferraresi che hanno potuto approfittare delgli ingressi gratuiti - dal 16 al 19 dicembre - son stati 1.397.

Catalogo e la guida sono andati esauriti pochi giorni prima della chiusura della rassegna, così come gli altri materiali prodotti appositamente dalla Fondazione Ferrara Arte o di altra realizzazione.

Buoni i risultati delle aperture straordinarie serali, con un'affluenza specifica di 1.695 visitatori.

Soddisfazione anche per il ciclo di conferenze dal titolo Zurbarán. Oltre la cornice, organizzato dalla Fondazione Ferrara Arte, in collaborazione con il dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Ferrara, con una media i 80 partecipanti ad incontro. 

Importante il rilievo dei media nazionali e stranieri che hanno seguito la mostra, nonché l'interesse dimostrato dagli studiosi per il percorso espositivo che ha accolto le 49 opere di Zurbaràn, di uno dei dei principali protagonisti della pittura del Siglo de oro.

 

 

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Accadde oggi