15 novembre 2013 - Ferrara, Cronaca

"Giardino in movimento" per la Casa del Bambino

Ferrara - Il giardino interno della Scuola Materna comunale "Casa del Bambino" è in queste settimane al centro di un'importante opera di riqualificazione, al cui progetto hanno collaborato genitori, educatori, associazioni e lo stesso Comune di Ferrara.

"Giardino in Movimento" - questo il nome del progetto - è nato dall'esigenza riscontrata dalle famiglie di uno spazio all'aperto più comodo e sicuro per i loro figli.

La Casa del Bambino è una scuola che ospita 150 bambini dai 3 ai 6 anni, su due piani e con tre giardini interni: "Giardino in Movimento" prevede la creazione di un'area per l'orto, le zone gioco diversificate, la sistemazione dei giochi ammalorati, uno scivolo nuovo con copertura antitrauma, i percorsi delle siepi e i tappeti erbosi, una piccola pedana come anfiteatro e il miglioramento del drenaggio.

L'iniziativa è nata grazie a un piccolo gruppo di insegnanti e genitori che, intrecciando le proprie diverse competenze e ottenuto il sostegno del Consiglio di Partecipazione e del Coordinamento Pedagogico della scuola, ha discusso su come poter migliorare il giardino e, allo stesso tempo, dove trovare le risorse.

"Ognuno ha fatto la propria parte, impegnandosi e mettendo a disposizione le proprie competenze e disponibilità. - ha spiegato uno dei genitori coinvolti - L'impegno delle famiglie non terminerà con la chiusura del cantiere: a tutti verrà chiesta la disponibilità di lavorare al giardino, raccogliendo le foglie e dando una mano nelle piccole opere di manutenzione". Insomma, un progetto condiviso da cima a fondo. "In effetti - ha aggiunto la Coordinatrice didattica della Scuola, Cristina Fabbri - l'idea del giardino in movimento è stata portata avanti anche dal punto di vista didattico, coinvolgendo i bambini nei rilevamenti e nello studio delle piante e degli alberi".

Caratteristica del progetto, oltre la sua matrice di condivisione, è che la maggior parte dei materiali utilizzati saranno di recupero, visto che gran parte delle opere saranno realizzate dalla Cooperativa sociale "La Città Verde", inserita nel programma LoWaste.

Il progetto avrà nel complesso un valore di 28.000 euro. I primi contributi economici per la realizzazione del progetto sono stati reperiti presso la Circoscrizione 1 e successivamente, la parte più consistente, presso l'Ufficio Verde del Comune di Ferrara. La raccolta fondi è proseguita poi con la richiesta di finanziamento alla Fondazione Niccolini e la partecipazione a mercatini dell'usato con la vendita di giocattoli.

"Fa piacere rilevare ancora una volta - ha affermato il sindaco Tagliani - che esistono in città realtà partecipative come questa che si attivano autonomamente e mettono in campo azioni di riqualificazione di spazi in favore della collettività. Grazie da parte dell'Amministrazione a chi ha avuto l'idea e a tutti coloro che l'hanno portata avanti nel tempo, non solo a beneficio esclusivo dei propri figli ma anche per gli utenti dei prossimi anni".

"Questo progetto si inserisce in un quadro di interventi - ha aggiunto l'assessore Modonesi - che nel biennio 2012-13 ha visto impegnare risorse per 600mila euro in favore della riqualificazione di buona parte delle oltre cento aree verdi attrezzate del nostro territorio, e prevedono la piantumazione di quattrocento nuovi alberi e la manutenzione ordinaria e straordinaria alle attrezzature di arredo".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.