12 maggio 2010 - Ferrara, Cronaca

Attestato di merito all'area veterinaria dell'Ausl

Il prefetto ha consegnato il riconoscimento al direttore Chiara Berardelli

Ieri mattina, nella Sala dei Comuni del Castello Estense di Ferrara, Provvidenza Raimondo, Prefetto di Ferrara ha consegnato a Chiara Berardelli, Direttore dell’Area della Sanità Pubblica Veterinaria dell’Azienda USL di Ferrara l’attestato di merito, quale azienda pubblica parte attiva del Progetto Ecouniamoci. Attestato che dimostra la piena integrazione della struttura dell’Asl tra le autorità di controllo ferraresi, con un quotidiano impegno a supporto dei vari interventi effettuati dalle diverse “polizie” per aumentare il livello di sicurezza del territorio provinciale. Numerose le cooperazioni avviate negli anni dall’Ausl Ferrara con le Forze dell'Ordine, la prima, dal 2004, formalizza la collaborazione con la Polizia Stradale al controllo del trasporto d’animali, sulla strada statale Romea; con la Polizia Provinciale sono attivi controlli congiunti per il benessere animale; da qualche anno, si è formalizzato un protocollo con la Capitaneria Porto di Portogaribaldi, per garantire ai consumatori la sicurezza alimentare sui prodotti ittici; dal 2008 con il Corpo Forestale dello Stato, per il controllo dell’anagrafe degli allevamenti equini; con la Guardia di Finanza, interventi sistematici ed importanti per i controlli sull’uso dei farmaco in scuderia ed ora il calendario anche per il 2010. Tutto questo, oltre la quotidiana attività congiunta anche con le Polizie Municipali di tutti i comuni ed il Nas Nucleo Anti Sofisticazioni dei Carabinieri. Ora, con il progetto “Valorizzare le professionalità della sicurezza che operano sul territorio” della Provincia di Ferrara presentato alle massime autorità locali, ma, soprattutto, ad una nutrita scolaresca di una classe della II elementare, si punta agli aspetti educativi con una serie di incontri formativi, i cui docenti provengono dalle migliori professionalità di polizia giudiziaria del territorio.

Gli incontri, sono finalizzati al continuo scambio d’esperienze e competenze tra Forze dell’Ordine che potranno divenire un nuovo valore aggiunto per gli stessi cittadini, in un’ottica di prevenzione, che porterà inevitabilmente all’estensione del concetto di legalità, non più solo in campo ambientale. E’ questo l’aspetto che diventa innovativo e ricco di significato, pur nel rispetto delle singole specificità, poiché ci si attende che il cittadino possa percepire questa cooperazione come un valore aggiunto per la sicurezza propria e delle comunità dell’intera provincia. Un piano di lavoro ambizioso, quello lanciato due anni fa con l’idea del Progetto Ecouniamoci www.ecouniamoci.it , nato dalla necessità di creare un percorso comune e condiviso, tra tutte le istituzioni locali a vario titolo coinvolte nell’interesse primario di salvaguardare quel bene unico, che è l’ambiente in cui viviamo ed i “frutti” che ne derivano, perché l’impegno del progetto è, soprattutto, quello di tutelare l’ambiente che lasceremo alla future generazioni.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.