17 settembre 2013 - Ferrara, Cento, Cronaca, Terremoto Emilia

Taglio del nastro all'ISIT Bassi Burgatti di Cento

Ferrara - Si è svolta questa mattina la cerimonia di inaugurazione dell’ISIT Bassi Burgatti di Cento, gravemente danneggiato dal terremoto del maggio del 2012.

Al taglio del nastro hanno presenziato Vasco Errani, Presidente della Regione Emilia Romagna, Marcella Zappaterra, Presidente della Provincia di Ferrara, Piero Lodi, Sindaco di Cento e Giovanni Recordati, Presidente del Gruppo Recordati che ha sostenuto i lavori di ristrutturazione con una donazione di 500.000 euro.

L’ISIT Bassi Burgatti è uno dei plessi scolastici più grandi del territorio della Provincia di Ferrara, con circa 1.300 iscritti. A seguito del terremoto del maggio 2012, è stata l'unica scuola della Provincia ad aver subito danni tali da essere considerata completamente inagibile. E’ stato necessario quindi avviare un programma di ristrutturazione per un valore totale di 1.250.000 euro, finanziati dalla Regione Emilia Romagna e dall’intervento volontario del Gruppo Recordati.

Gli studenti hanno potuto iniziare regolarmente l’anno scolastico 2013-2014 entrando nelle nuove aule dell’edificio, abbandonando i moduli provvisori.

“La ricostruzione dell’ISIT Bassi Burgatti ha visto istituzioni e privati impegnati in un’importante gioco di squadra che ha permesso la riapertura della scuola all’inizio del nuovo anno scolastico. Il sisma del 2012 ha rappresentato un forte trauma per la comunità di Cento e fin dal primo giorno ci siamo attivati per fare in modo che gli edifici pubblici potessero riprendere le proprie funzionalità in tempi rapidi. L’inaugurazione odierna è una conferma che la ripresa sta proseguendo in modo veloce” sottolinea Marcella Zappaterra, Presidente della Provincia di Ferrara.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.