10 maggio 2010 - Ferrara, Economia & Lavoro

Aziende minacciate dal ricambio generazionale

Secondo il rapporto della Camera di Commercio gli imprenditori over70 sono l'11% del totale

Minacciate dal ricambio generazionale. Le piccole e medie imprese ferraresi non devono fare i conti solo con l’alta pressione fiscale, la concorrenza internazionale e l’onda lunga della crisi che ha chiuso i rubinetti del credito. A complicare la vita delle aziende c’è anche il mancato ricambio generazionale, tra le cause più frequenti di mortalità delle imprese nella nostra provincia. L'argomento è da tempo al centro delle attenzioni della Camera di Commercio, sensibile all'impatto sull'occupazione dovuto alla cessazione di imprese a causa del mancato ricambio generazionale, ed è particolarmente attuale e rilevante nel nostro territorio, dove molte imprese stanno affrontando o dovranno affrontare, nel breve periodo, il problema della continuità, che mette a rischio numerosi posti di lavoro. A Ferrara infatti, al 31 dicembre 2009, erano 2.583 gli imprenditori con i capelli bianchi (l’11,1% del totale), 586 dei quali erano donne. Un fenomeno in costante crescita (+ 3,7%): nello stesso periodo del 2004, infatti, gli imprenditori over70 in provincia di Ferrara erano 2.492, di cui 496 donne. E sono soprattutto le imprenditrici, che costituiscono poco meno di un quarto di questo universo di imprese gestite da over 70, a registrare, negli ultimi cinque anni, l’incremento più rilevante (+18,1%).

A tastare il polso della situazione è il rapporto della Camera di Commercio di Ferrara, presentato venerdì scorso dall’Ente di Largo Castello nell’ambito della VIII^ Giornata dell’economia. “La trasmissione d’impresa, a sostegno della quale la Giunta camerale si propone di destinare a breve nuove risorse finanziarie, costituisce una fase naturale ma spesso critica della vita di un’impresa – ha dichiarato Carlo Alberto Roncarati, presidente della Camera di Commercio – Talvolta, gli imprenditori sottovalutano il problema e non lo affrontano con il necessario anticipo. Obiettivo dell’intervento camerale – ha proseguito Roncarati – sta proprio in questo. Non agisce solo sull’imprenditore uscente e subentrante ma, soprattutto, sulle persone che gravitano intorno all’imprenditore e nelle quali egli ripone la propria fiducia”.

Ma quali sono i problemi più rilevanti che le imprese ferraresi si trovano ad affrontare di fronte al passaggio generazionale? L’indagine della Camera di Commercio parla chiaro: la scarsa disponibilità alla delega da parte dell'imprenditore "uscente"; la complessità nel processo di trasferimento delle competenze (di mestiere e/o professionali e/o manageriali, a seconda dell'attività) e delle reti di relazioni, che in genere richiede un lungo periodo di affiancamento; la condivisione della visione strategica tra vecchie e nuove generazioni; la disponibilità di risorse finanziarie; la burocrazia; l’assenza di pianificazione.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.