3 luglio 2013 - Ferrara, Cronaca, Economia & Lavoro

Sanità: in Emilia Romagna sbloccati i pagamenti alle aziende

448 milioni di euro per saldare i debiti

Ferrara - La Regione Emilia Romagna ha sbloccato ieri circa 448 milioni di euro per consentire alle Asl per permettere i pagamenti alle aziende fornitrici nel settore sanitario. I fondi sono immediatamente disponibili e - rispetto al testo uscito dalla Giunta - la Regione ne ha incrementato di 24 milioni di euro di liquidità, grazie ad un nuovo riparto nazionale di cui l’Emilia-Romagna ha beneficiato.

Il provvedimento, che dà seguito a quanto previsto da misure nazionali, permetterà alle Asl di pagare i propri fornitori già nei prossimi mesi di quest’anno, mentre una seconda tranche è prevista per il 2014. Con il decreto legge n. 35 del 2013 il Governo ha infatti introdotto la possibilità per le Regioni di accedere ad una anticipazione di liquidità per il pagamento dei debiti sanitari cumulati al 31 dicembre 2012. La Regione si è impegnata con questa stessa legge a restituire in 30 anni la somma anticipata. Un’opportunità che l’Emilia-Romagna ha immediatamente colto, per permettere alle imprese fornitrici di beni e servizi del Servizio sanitario regionale di accedere con rapidità alle risorse finanziarie loro spettanti.

“Continuiamo nella nostra attività di messa a disposizione delle nostre comunità di risorse finanziarie fresche che serviranno a rimettere in moto l’economia sostenendo imprese e lavoro - spiega Simonetta Saliera, vicepresidente e assessore al Bilancio della Regione Emilia-Romagna – Proprio in questi giorni la Regione ha sbloccato altri 100 milioni di euro di potenzialità di spesa di Comuni e Province altrimenti impossibilitati dal patto di stabilità nazionale a spendere risorse che pure hanno in cassa per pagare fornitori e investimenti”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.