2 luglio 2013 - Ferrara, Comacchio, Cronaca

A Ferrara “Un mare di legalità” inonda le spiagge

Ferrara - Verrà presentato venerdì mattina, presso il Comando dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Porto a Porto Garibaldi il progetto “Un mare di legalità” 2013.

L’iniziativa è nata nell’ambito del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica al fine di contribuire alle attività di sensibilizzazione nei confronti del fenomeno dell’abusivismo commerciale e della contraffazione, particolarmente avvertito sul litorale di Comacchio durante la stagione estiva. Il progetto è stato realizzato con la piena condivisione, anche organizzativa e finanziaria, della Camera di Commercio, della Provincia di Ferrara, del Comune di Comacchio e delle associazioni di categoria ASCOM e Confesercenti.

Nello specifico, i volontari di alcune associazioni di Volontariato (LIDA, AEOP ed ANPANA) si recheranno, a partire dal 6 luglio, presso gli stabilimenti balneari della costa per informare i bagnanti che, in base alla legge e alle disposizioni emanate dal Sindaco di Comacchio, sulla spiaggia non sono consentite né la vendita di prodotti né l’offerta di servizi abusivi.

Nella campagna di informzione non mancherà il monito a ricordare, inoltre, che la contraffazione è un reato, che spesso favorisce la criminalità, danneggia le imprese che operano nel rispetto della legge, può minacciare l’incolumità e la salute delle persone. Allo scopo, saranno affissi presso gli stabilimenti balneari e distribuiti ai turisti avvisi multilingue (in italiano, inglese, francese e tedesco).

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Accadde oggi