24 giugno 2013 - Ferrara, Economia & Lavoro

Occupazione: la Regione lavora sulla "Staffetta Generazionale"

Ferrara - La disoccupazione è una piaga socio-economica che il governo italiano non riesce a comprendere nelle sue pieghe più profonde e - pertanto - non trova risoluzione nelle iniziative a breve termine e di rapido effetto, come gli sgravi fiscali per le assuzuioni degli under 30 se non associati a politiche del welfare e del lavoro costruttive.

Nei prossimi giorni la Regione Emilia-Romagna dovrebbe approvare il bando per l'avvio della Staffetta Generazionale: le risorse sono limitate e non ci sono garanzie dell'adesione da parte dei lavoratori senior. "Però è un'opportunità - ha spiegato in una nota alla stampa Chiara Bertelli, portavoce Legacoop Generazioni Emilia-Romagna - Proviamo per una volta a impegnarci affinché funzioni, e a trovare nel contempo altri modi per mettere i debitori nelle condizioni di poter onorare i propri debiti.

Siamo certi che saranno felici di poterlo fare, almeno per quanto riguarda i cooperatori." Da una decina d'anni il mondo del lavoro è diviso: tra chi sarà –per sua sfortuna– sempre a credito (di lavoro, di risorse, di welfare), e tra chi invece continuerà ad avere un debito, difficilmente saldabile.

"Oggi sosteniamo la Staffetta Generazionale come pratica che consente la redistribuzione del lavoro tra la generazione a credito e quella a debito - ha aggiunto la Bertelli - sapendo che si tratta di una pratica costosa e che da sola non avrà effetti dirompenti, ma può rappresentare un primo segnale concreto".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.