4 giugno 2013 - Ferrara, Cronaca

Scuole infanzia: l'Emilia Romagna in linea con l'Europa

Ferrara - L'Emilia Romagna si conferma essere la regione maggiormente "bimbi fiendly" d'Italia: con un 32,7 % di offerta rispetto alla popolazione in classe d’età per i nidi e un 92% per le scuole materne, la Regione si pone in linea con gli obiettivi europei.

Lo rende noto l’assessore regionale alle Politiche sociali Teresa Marzocchi, a fronte di una relazione della Commissione europea pubblicata in questi giorni in cui viene ribadito che in Italia sono ancora pochi i bambini che trovano un posto all'asilo nido.

“Mi pare doveroso sottolineare – spiega l’assessore – anticipando alcuni dati del monitoraggio annuale che verrà presentato a breve in Commissione consiliare, lo sforzo compiuto in Emilia-Romagna”. Nel caso dei servizi educativi per la prima infanzia, da tempo sul territorio è presente un mix di offerta tra servizi pubblici a gestione diretta, servizi privati convenzionati, servizi privati propriamente detti (quest’ultimi in quota decisamente minore).

“Proprio questa pluralità di offerta – prosegue Marzocchi – , caratterizzata da una dignità forte del settore, fondata anche su norme regionali piuttosto dettagliate, ci ha consentito di approssimarci molto all’obiettivo, indicato dal Consiglio europeo di Lisbona del 2000, del 33% di posti rispetto all’utenza potenziale”.

Considerando i nidi e i servizi educativi e sperimentali, pubblici e privati, in regione si è raggiunta la media del 32,7% di offerta rispetto alla popolazione in classe d’età 0-2 anni per l’anno scolastico 2011-2012 (era del 31,6% per il 2010-2011). Per le scuole dell’infanzia (3-5 anni), l’Emilia-Romagna è al 92% di offerta, sopra l’obiettivo europeo (che indica il 90%).

“Sono dati nel complesso positivi - continua l’assessore - anche se si registrano segnali di difficoltà per le famiglie e i Comuni, a causa della crisi economica e del venir meno delle risorse. Si rende urgente la richiesta di un reale investimento da parte dello Stato per la scuola dell'infanzia, assumendola come priorità”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.