3 maggio 2013 - Ferrara, Cronaca, Economia & Lavoro

Scuola : a settembre sarà caos. La denuncia dei sindacati.

Ferrara - In Emilia Romagna, da undici anni aumenta la popolazione scolastica e anche il prossimo anno, a fronte di 8500 studenti in più (ad esclusione della scuola dell'infanzia i cui dati relativi alle iscrizioni non sono stati comunicati), il Ministero ha assegnato solo 172 docenti per ogni ordine e grado di scuola.

C'è anche da segnalare inoltre l'aumento gli alunni disabili: +592 rispetto all’anno corrente, per i quali non sarà garantita la presenza di docenti "dedicati", come dovrebbe essere.

Per quanto riguarda l'organico del personale ATA, invece, ancora non ci sono notizie. Questi i numeri comunicati dall’Ufficio Scolastico Regionale in un incontro con le OO.SS. avvenuto nei giorni scorsi: 172 posti complessivi per le 9 province dell’Emilia Romagna distribuiti come segue: 34 infanzia, 60 primaria, 13 secondaria I° grado, 65 secondaria II° grado.

I sindacati FLC CGIL, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA, SNALS CONFSAL, GILDA EMILIA ROMAGNA, in una nota congiunta alla stampa denuncia la situazione e promette battaglia su tutti i fronti.

Per questo, come primo passo, i sindacati e le O.O.S.S. "consegnano questa denuncia al nuovo governo ma anche alle Istituzioni locali, Comuni, Province e Regione affinchè ciascuna dia forza e sostegno alle esigenze rappresentate e assuma quale obiettivo prioritario della propria azione amministrativa, quello di garantire il diritto all'istruzione come valore costituzionale".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.