"Priorità al Lavoro", i sindacati per la Festa dei Lavoratori

Ferrara - Anche quest'anno la CGIL, la CISL e la UIL dell'Emilia Romagna celebrano la Festa dei Lavoratori.

Per il 2013 lo slogan sarà "Priorità al Lavoro": le tre organizzazioni sindacali puntano a mettere al centro della giornata di Festa il tema fondamentale del lavoro, della sua mancanza, della sua precarietà, della sua frammentazione, delle numerosissime crisi aziendali presenti nel territorio emiliano-romagnolo che caratterizzano questa lunghissima fase di difficoltà, dei tanti lavoratori in cassa integrazione in deroga che rischiano di non avere nessuna copertura, nei prossimi mesi.

A Ferrara e provincia sono previste numerose iniziative in parecchi comuni del territorio ferrarese - Cento, Comacchio, Copparo, Massafiscaglia, Migliaro, Portomaggiore, Ro - nella mattinata del Primo Maggio con feste e la tradizionale distribuzione di garofani. Ad Argenta e a Bondeno concluderanno le iniziative i segretari della CGIL di Ferrara G. Guietti e della UIL M. Zanirato.

"Priorità al Lavoro" per CGIL, CISL e UIL regionali significa uscire, finalmente, dallo schema del rigore e dell'austerita' che ha impoverito il Paese e la nostra regione, lavoratori e pensionati in primo luogo, per puntare decisamente ad avviare un percorso di crescita e di rilancio dell'occupazione per creare lavoro. Senza crescita e senza lavoro non c'è futuro.

Anche per questo CGIL, CISL e UIL dell'Emilia Romagna sottolineano con forza l'importanza di un Primo Maggio unitario e la ripresa di un percorso comune su temi fondamentali come quello della rappresentanza nei luoghi di lavoro, che sarà oggetto della riunione dei direttivi unitari di domani 30 aprile a Roma, oltre che di mobilitazione comune.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.