29 aprile 2013 - Ferrara, Cronaca

Sicurezza sul lavoro, l'impegno di Ferrara

Ferrara - Il 28 aprile si celebra in tutto il mondo la giornata della sicurezza sul lavoro e in memoria delle vittime dell'amianto: ieri a Ferrara sono state messe a dimora una quercia e una targa lungo la pista ciclabile di via Padova, in prossimità della parte est della zona industriale del capoluogo cittadino.

Una quercia, simbolo della vita e una targa "perchè l'impegno non venga mai meno" sono il modo con il quale Ferrara, insieme ad AEAC (Associazione esposti amianto e altri cancerogeni), ANMIL (Associazione nazionale mutilati e invalidi del lavoro), CGIL, CISl, UIl intendono testimoniare la vicinanza e la presenza in merito al delicato tema dell'amianto e delle conseguenze sulla salute non solo dei lavoratori ma di tutta la popolazione.

Alla cerimonia erano presenti, tra gli altri, gli assessori comunali Rossella Zadro e Aldo Modonesi, il presidente di AEAC Alberto Alberti, il presidente di ANMIL Ilario Fantini, il presidente del Fondo Nazionale Vittime Amianto, Nicola Pondrano, Mauro Cavazzini (CGIL), Vittorio Caleffi (Uil), Stefano Manrovani (CISL), Paolo Calvano, segretario provinciale del Partito Democratico.

Il 1 maggio, in continuità con il 28 aprile, saranno invece promossi da ANMIL insieme a CGIL, CISl, UIL alcuni gazebo nel centro storico di Ferrara, per promuovere la campagna patrocinata dal Ministero della Salute "Asbestus free", finalizzata a sensibilizzare l'attenzione dei cittadini alla prevenzione e al controllo di questa problematica.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Accadde oggi

Le notizie più lette degli ultimi tre anni