27 aprile 2013 - Ferrara, Cento, Cronaca

Strisce blu a Cento: "non adesso!"

Ferrara - Luigi Corvini, coordinatore comunale del Popolo della Libertà, interviene nella disputa che vede contrapposti il Sindaco di Cento Piero Lodi e l’Ascom di Cento in merito al provvedimento recentemente emesso dall’amministrazione comunale che reintroduce il parcheggio a pagamento per buona parte del centro storico del Capoluogo (leggi articolo).

Corvini, senza mezzi termini giudica la reintroduzione del parcheggio a pagamento un grave errore che rischia di ulteriormente penalizzare il commercio e quindi la vitalità del centro storico di Cento.

"Il tessuto socio economico di Cento risulta essere molto provato per una serie di motivazioni, in particolare la crisi economica senza precedenti che attanaglia l’Italia e gran parte dell’Europa e che ha comportato una consistente contrazione dei consumi da parte delle famiglie che, nella migliore delle ipotesi, hanno visto eroso il loro potere di acquisto e, nella peggiore, hanno visto uno più membri perdere il posto di lavoro od essere posti in cassa integrazione - spiega Corvini - Inoltre gli eventi sismici del maggio 2012 che, con il loro carico distruttivo sia a livello materiale che psicologico, hanno comportato la chiusura di molti esercizi commerciali ed una parziale mutazione delle abitudini della cittadinanza, meno propensa a recarsi nei centri storico lesionati dal terremoto. In un contesto così negativo sarebbe necessario studiare provvedimenti che possano incentivare al massimo la volontà dei cittadini di recarsi e rimanere in centro a Cento, questo potrebbe rianimare ulteriormente tale contesto e potrebbe fungere da volano per le attività commerciali che vi insistono. Per concludere, bene hanno fatto l’Ascom ed il Consorzio Cento in Centro a manifestare la loro contrarietà al provvedimento con uno slogan che faccio mio: se proprio bisogna farlo, NON ADESSO".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.