Salone del Restauro a Ferrara: l'Emilia post-sisma

Ferrara - Prenderà il via domani la XX Edizione del Salone del Restauro, alla Fiera di Ferrara dal 20 al 23 marzo.

Anche in questa edizione la tre giorni di lavori sarà fitta di convegni, workshop e dibattiti sulla conservazione dei beni artistici e culturali, specie alla luce degli eventi sismici che hanno colpito l'Emilia nel maggio scorso.

Come Carlo Amadori - Capo Progetto della manifestazione- ha più volte illustrato, sarà un Salone che aiuterà a capire che le aree colpite dal sisma nel loro patrimonio artistico e storico non potranno mai più tornare com'erano prima, ma anche capire come si è intervenuti per la conservazione e il recupero dei beni danneggiati.

Al Salone sarà possibile vedere che faccia avrà la Torre dei Modenesi di Finale Emilia, diventato simbolo del terremoto, con il suo orologio spezzato dalle scosse,   i cui resti saranno esposti accanto al progetto di recupero.

Il Salone mostrerà agli addetti ai lavori tecniche, materiali, nuove procedure per recuperi conservativi e messa in sicurezza.

Novità dell'edizione 2013 sarà una nuova organizzazione: abbandonati i classici stand, i 220 espositori saranno ospitati nelle numerose 'isole', che porteranno al centro progetti reali - per esempio il recupero di un campanile - attorno cui ci saranno imprese, ricercatori, esperti coinvolti nel progetto.

Ci sarà, ovviamente, spazio anche per il recupero di quadri e statue: sono ben 1.287 le opere danneggiate nel sisma che sono state conservate dal 25 maggio scorso nel Palazzo ducale di Sassuolo dal Mibac, dove è in corso il loro restauro.

Fra gli "altri" argomenti non mancherà l'incursione nel contemporaneo, con una riflessione sulla necessità di conservazione della grande architettura del XX secolo e gli appuntamenti con tematiche più classiche per i restauratori.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.