20 febbraio 2013 - Ferrara, Cronaca

Ruba da auto in sosta: condannato ad 1 anno e 4 mesi

Ferrara - La collaborazioni fra cittadini e forze dell'ordine diventa semrpe di più un elemento di forza per la sicurezza della città di Ferrara.

La scorsa notte, grazie ad una segnalazione da parte di un cittadino, i Carabinieri di Ferrara sono riusciti a fermare dua "topi" d'auto. Verso le ore 03.00,infatti, una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri estense, è stata inviata dalla propria Centrale Operativa in via Barlaam all’incrocio con via Leati, mentre un residente della strada era al telefono con la Centrale del “112” poiché, sentiti dei rumori sospetti provenire all’esterno della propria abitazione, si era affacciato alla finestra ed aveva notato due ragazzi, uno all’interno e l’altro vicino ad un’autovettura parcheggiata, muoversi con fare decisamente sospetto.

L'uomo al telefono aveva notato che i due giovani si erano allontanati dall'auto con fare sospetto durante il transito di un taxi, nascondendosi rispettivamente all’interno e sotto l’autovettura parcheggiata dalla quale - ovviamente - cercavano di asportare qualcosa. In attesa dell'arrivo della pattuglia l'uomo ha via via spiegato ai militari “in diretta” cosa stessero facendo i due sospetti, che ne frattempo si stavano spostavando in via Bulgarelli guardando all’interno delle auto in sosta con una torcia.

Ad un certo punto, giunti all’altezza di una Mercedes parcheggiata, i due hanno quindi rotto il vetro del finestrino posteriore per cercare di introdurvisi ed asportare qualcosa. Proprio in quel momento però sono giunti sul posto i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile del NORM: i due malintenzionati prima hanno cercato di nascondersi, poi hanno tentato la fuga seguendo direzioni differenti.

Al termine di un breve inseguimento a piedi i militari sono riusciti a bloccare solo uno dei due: si tratta di C. D., cittadino moldavo del 1992 che, a conclusione degli accertamenti del caso, è stato arrestato per tentato furto aggravato in concorso e furto aggravato. Nella successiva perquisizione effettuata sullo zaino che aveva in spalla e sulla sua persona i militari hanno rinvenuto una consolle Sony Playstation 3 con apposito Joy Pad perfettamente funzionante ed un beauty case da uomo con insegna “Spal 1907”, mente nella tasca del giubbino che indossava al momento della cattura il giovane aveva un coltello multiuso ed una mini torcia, entrambi perfettamente funzionanti. Il moldavo è stato quindi trattenuto presso la camera di sicurezza della caserma di via Appuntato Carmine della Sala in attesa del giudizio con rito direttissimo, stante la flagranza, che si è concluso con una condanna a 1 anno e 4 mesi più 600 euro di multa.

Nel frattempo, numerosi cittadini, sono venuti presso questi Uffici, denunciando a vario titolo furti e danneggiamenti patiti sulle proprie autovetture in sosta. Tra loro anche il proprietario della Playstation 3, asportata proprio dall’auto di proprietà.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.