1 febbraio 2013 - Ferrara, Economia & Lavoro

Sostenibilità delle filiere agro-energetiche

Ferrara - Si terrà dalle nove di questa mattina il convegno “Coltivazione e sostenibilità delle filiere agro-energetiche e oleaginose”, proposto dall’organizzazione di Provincia e Centro ricerche produzioni vegetali (Crpv) di Cesena, che ha coordinato un'attività di ricerca nell’ambito del programma di sviluppo rurale della Regione Emilia-Romagna 2007-2013.

I lavori della mattinata saranno aperti dall’assessore provinciale all’Agricoltura, Stefano Calderoni.

Il tema dell’incontro ruota in sostanza attorno alla riforma dell’Ocm zucchero, che ha comportato la conseguente dismissione della maggior parte degli zuccherifici in regione. Decisione comunitaria che ha privato di fatto gli imprenditori agricoli di un’importante fonte di reddito, come la coltura della barbabietola, senza peraltro proporre valide alternative produttive ed agronomiche.

Con gli sviluppi nel frattempo raggiunti nel settore delle risorse energetiche rinnovabili, si è assistito al processo di riconversione delle società saccarifere, che hanno progressivamente spostato il loro interesse sul terreno della produzione energetica da biomasse: legnose, erbacee e oleaginose.

L'interrogativo del convegno è proprio questo: queste colture possono essere anche fonte di reddito per l'agricoltore? L'iniziativa si terrà nella sala tonda dell’ex centro ortofrutticolo in via Bologna al civico 534 a Ferrara.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.