17 gennaio 2013 - Ferrara, Agenda, Cultura e Spettacoli

La chitarra di Stefano Cardi al Ridotto

Ferrara - La chitarra di Stefano Cardi torna sabato 19 gennaio alle 17 al Ridotto del Teatro, in un recital dedicato alla musica tra ventesimo e ventunesimo secolo.

Uno dei periodi storici di maggiore interesse per il chitarrista e direttore d’orchestra romano, da anni apprezzatissimo docente al Conservatorio di Ferrara.

Il programma si aprirà con alcuni Pezzi caratteristici del madrileno Torroba, noto anche come direttore d’orchestra per avere portato la Zarzuela fuori dai confini di Spagna, proseguirà con Tricromie del concittadino Giordano Tunioli, scritto nello stile sperimentale della musica anni Settanta.

Le incursioni nel più recente repertorio internazionale saranno la neoclassica Sonatina dell’inglese Albert Harris (1953), grande autore di musica da film e di serie televisive made in Hollywood, e il contemporaneo Pluck it! dell'australiano Gerard Brophy, commisionatogli nel 1991 dallo stesso Stefano Cardi.

Completeranno il pomeriggio una delle tre Sonate per chitarra dell’argentino Guastavino - esempio di approccio stilistico immune da tensioni e sperimentalismi d’avanguardia - e un Ragtime dello statunitese F. “Jerry Roll” Morton, trascritto dall’esecutore.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.