30 ottobre 2012 - Ferrara, Cronaca

Ubriaco alla guida tenta di corrompere i Carabinieri

Ferrara – La lotta alle “stragi del sabato sera” passa per un servizio capillare di controlli sulle strade che dovrebbero funzionare come deterrente contro il costume di molti di mettersi alla guida in stato di ebbrezza alcolica.

Certo è che i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Ferrara non si sarebbero mai aspettati che qualcuno potesse provare a corromperli per non farsi togliere la patente.

E’ quanto accaduto durante la notte fra sabato e domenica, in via Wagner: i militari, intorno alle ore 3.30, hanno fermato un cittadino rumeno di 33 anni, T.C., alla guida del proprio veicolo e lo hanno sottoposto all’accertamento con l’etilometro.

Il conducente ha riportato un livello di alcol nel sangue talmente alto che i Carabinieri hanno dovuto procedere per il ritiro della patente di guida. Inoltre l’uomo avrebbe dovuto essere denunciato penalmente per guida in stato di ebbrezza.

Quando questi ha però compreso di trovarsi nei pasticci, avrebbe quindi tentato più volte di corrompere uno dei carabinieri in servizio, proponendogli un incontro “privato” in un luogo appartato. Qui avrebbe potuto sborsare 500 euro in contanti perché lui e i suoi colleghi lo lasciassero andare senza procedere, promettendo che nessuno avrebbe saputo mai nulla dell’accordo che egli stesso proponeva.

Le cose da quel momento si sono messe dunque ancora peggio per il cittadino rumeno, visto che i militari non solo lo hanno comunque denunciato per guida in stato di ebbrezza alcolica - ritirandogli quindi nel contempo il documento di guida cui tanto teneva - ma lo hanno anche denunciato per istigazione alla corruzione, reato ben più grave.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.