18 ottobre 2012 - Ferrara, Economia & Lavoro

La Legge di Stabilità non tutela gli agricoltori

Ferrara - Non arrivano buone notizie per il settore agrario dalla Legge di Stabilità approvata dal CdM. Rivalutazione dei redditi agrari e dominicali, rifinanziamento del Fondo di Solidarietà, disposizioni sulle società agricole: sono alcune delle misure contenute nella bozza della Legge.

Sul versante fiscale la bozza di legge prevede la rivalutazione ulteriore (rispetto a quella già attualmente prevista ai fini delle imposte sui redditi dell’80 e 70 per cento, rispettivamente per i redditi dominicale ed agrario come risultanti in catasto) nella misura del 5 per cento per i soggetti “professionali” (Cd e Iap iscritti nella relativa gestione previdenziale) e del 15 per cento per gli altri soggetti, da applicare sia al reddito dominicale che al reddito agrario.

Secondo la Coldiretti, quindi, "Si incrementa rispettivamente del 5 e del 15 per cento la base di calcolo per le imposte determinate con i criteri catastali, con una netta distinzione tra chi vive di agricoltura e chi no. Tali incrementi non saranno immediatamente mitigati dalla riduzione di un punto percentuale delle prime due aliquote Irpef, atteso che questa diminuzione opererà solo a partire dalle dichiarazioni dei redditi 2014, mentre le rivalutazioni hanno effetto già dal periodo d’imposta in corso".

Una nota positiva arriverebbe però dal rifinanziamento con la somma di 120 milioni di euro del Fondo di Solidarietà, così da avere la necessaria copertura finanziarie per le polizze assicurative.

Fra le novità anche l’abrogazione delle disposizioni sulle società agricole che non tocca le società semplici ma fa venire meno la possibilità di optare per la determinazione catastale del reddito per le società agricole costituite con la forma “commerciale” (snc, sas, srl) che conducono i terreni e per la determinazione forfetaria del reddito (25% dei ricavi) per le cosiddette società di commercializzazione.

"È previsto, altresì - dice Coldiretti - che le opzioni precedentemente esercitate perdano di efficacia già dal 2012, rinviando ad apposito provvedimento le disposizioni transitorie".

Secondo Coldiretti quindi la norma apparirebbe critica, soprattutto perché le disposizioni abrogate si ponevano nel solco dell’evoluzione e modernizzazione dell’agricoltura, iniziato con il d.Lgs. n. 228 del 2001 e proseguito dalla legge n. 99 del 2004 e perché, atteso il particolare momento congiunturale, a fronte di un evidente aggravio di tipo “burocratico” (senza dubbio la determinazione catastale rappresenta una semplificazione per le aziende agricole) non si ottiene un rilevante impatto in termini di gettito.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.