Boldini, Previati e De Pisis a Palazzo dei Diamanti

Ferrara - Si inaugura stasera la mostra "Boldini, Previati e De Pisis. Due secoli di grande arte a Ferrara" a Palazzo dei Diamanti.

L'esposizione di Ferrara presenta una selezione di opere di Boldini, Previati, Mentessi, Minerbi, Boccioni, Melli, Sironi, Funi e De Pisis, ovvero di alcuni tra i più importanti artisti italiani dell'Otto e Novecento, che sono fra i capolavori del Museo Boldini e delle altre raccolte d'arte moderna e contemporanea di Palazzo Massari, a Ferrara.

L'idea della mostra è stata sollecitata dalla chiusura del complesso di Palazzo Massari, che ospita le collezioni delle Gallerie d'Arte Moderna e Contemporanea, in seguito al sisma che nel maggio scorso ha colpito l'Emilia-Romagna. Fino a quando non verranno eseguiti importanti lavori di consolidamento dell'edificio, infatti, i tesori d’arte che esso custodiva non saranno fruibili e da queste circostanze è nata l'idea di dare loro visibilità a Palazzo dei Diamanti.

Nelle intenzioni del Comune di Ferrara e di Ferrara Arte, i capolavori in mostra diventeranno l'emblema della città: si sta infatti studiando una loro presentazione, dopo questa "prima" ferrarese, in altre sedi espositive italiane. La Mostra è a cura di Maria Luisa Pacelli, Barbara Guidi e Chiara Vorrasi, organizzata da Ferrara Arte e dalle Gallerie d'Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara.

Alle 18.30 i rappresentanti delle istituzioni saranno dunque a Palazzo dei Diamanti per il taglio del nastro dell'Esposizione.

Da domani la mostra sarà visitabile tutti i giorni fino al 13 gennaio, feriali e festivi, lunedì incluso dalle 9.00 alle 19.00 con orario continuato. La mostra sarà visitabile anche il 1 novembre, 8, 25 e 26 dicembre, 1 e 6 gennaio.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.