4 ottobre 2012 - Ferrara, Cronaca

Resta in carcere il "terrore delle farmacie"

Ferrara – La Polizia di Ferrara, al temine di laboriose indagini, ha identificato l’autore della rapina alla farmacia Giardino di via Darsena del 4 giugno scorso.

Secondo gli inquirenti si tratterebbe di Gabriele Volpi, tossicodipendente di Massa Fiscaglia di 43 anni, già in carcere per altre rapine commesse ai danni di altrettante farmacie della provincia di Ferrara fra il maggio e il giugno scorsi (leggi articolo).

La mattina del 4 giugno, poco dopo le 12.45, Volpi era entrato nella farmacia Giardino con il viso coperto e ed un cappellino sulla testa, intimando alle addette alla vendita – con un cutter alla mano - di consegnargli la cassa contenente l’incasso della mattinata, circa 650 euro.

In una manciata di secondi l’uomo era riuscito ad allontanarsi con il solo cassetto del registratore di cassa, lasciando sul bancone gli occhiali da sole ed il cutter utilizzato come arma.

Volpi quindi aveva fatto perdere le sue tracce, anche se le fasi della rapina erano state filmate dalla videocamera di sicurezza (vedi foto che corredano l'articolo). A facilitare il lavoro degli inquirenti l’aiuto offerto da una testimone che, avendo appreso la notizia dai quotidiani locali, aveva dichiarato di aver visto l’uomo – poco dopo l’orario indicato dalla videocamera di sicurezza – che si allontanava con qualcosa in mano verso il cantiere edile proprio alle spalle della farmacia.

La polizia, quindi, all’interno dello stesso cantiere indicato dalla signora, ha ritrovato il cappellino e la camicia blu usati da Vecchi durante la rapina e il cassettino della cassa ormai scassinato. Durante una perquisizione domiciliare, poi, la Polizia aveva anche trovato un paio di scarpe molto simili a quelle portata dall’uomo durante la rapina. Incrociando quindi gli esami del DNA raccolto sugli indumenti, sul cutter e sugli occhiali, gli inquirenti hanno avuto la certezza che si trattasse della stessa persona.

A questo punto delle indagini è stato fondamentale il ritrovamento, nei pressi di via Darsena, di una Fiat Uno bianca, che è risultata essere la stessa utilizzata nelle rapine precedenti.

Chiuso il cerchio intorno a Volpi, l’autorità giudiziaria ha potuto richiedere un ordine di custodia in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Ferrara e comunicato al soggetto nella stessa casa circondariale di Ferrara, dove sta scontando una pena detentiva per le precedenti rapine messe a segno.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.