14 settembre 2011 - Cultura e Spettacoli

Percorso storico in viale Cavour

Un 'Viaggio nella Ferrara moderna' sabato 17 settembre alle 21

Quest'anno viale Cavour festeggia il centocinquantenario. Nel 1861 infatti, oltre al ‘tombamento' del canale Panfilio che percorreva l’asse, il Municipio decise la costruzione di una strada rettilinea per accogliere degnamente in città e guidare verso il centro i forestieri che arrivavano a Ferrara con il ‘vapore’.
E’ questa soltanto una delle notizie che, alternate ad inediti e a vere curiosità, saranno fornite da Francesco Scafuri dell’Ufficio comunale Ricerche Storiche nel corso della passeggiata serale in programma sabato 17 settembre denominata “Viale Cavour, viaggio nella Ferrara moderna”.
Compito dell'esperto sarà infatti ripercorrere, passeggiando in compagnia di ferraresi e turisti, gli aspetti storici di uno dei viali più particolari dell’assetto urbano cittadino e insieme le caratteristiche architettoniche degli importanti edifici novecenteschi che gli fanno da cornice. L’itinerario culturale, gratuito e aperto a tutti (appuntamento alle 21 in viale Cavour 73, all’ex Casa del Fascio) è stato promosso dagli assessorati comunali all’Edilizia Monumentale e alle Politiche e Istituzioni Culturali e da Ferrariae Decus in collaborazione con Garden Club Ferrara, Poste Italiane S.p.A. e Circolo Filatelico Ferrarese. Oltre alla passeggiata sono molte e interessanti le opportunità che, proprio grazie anche al contributo dei collaboratori, attendono i partecipanti.
“Un ‘compleanno’ certo da non perdere quello di viale Cavour, proprio nell'anno in cui si festeggia anche l’Unità d’Italia. – ha confermato Francesco Scafuri presentando questa mattina in Municipio l’iniziativa insieme ai diversi partner - Grazie anche alla collaborazione delle associazioni e delle istituzioni coinvolte è nato un progetto che concentrerà nella serata di sabato momenti davvero importanti e che speriamo sia di stimolo per tutti, partecipanti e protagonisti del circuito turistico".
Fra questi certo l’opportunità di visitare il palazzo delle Poste italiane, che ha assicurato l’apertura straordinaria e la possibilità di ammirare il sarcofago romano conservato all’interno dei suoi uffici e la concessione di uno speciale annullo postale (su una cartolina della distribuita da Ferrariae Decus). Da non dimenticare poi il depliant riassuntivo dell'itinerario storico prodotto dal Comune di Ferrara e il contributo del Garden Club che, per l’occasione, ha realizzato il fascicolo “Gli alberi di viale Cavour” curato da Giovanni Morelli e Stefania Gasparini. Alle vicende storiche dell’importante strada si affiancheranno quindi anche quelle botaniche, in un vero e proprio excursus sulle alberature che dall’800 ai giorni nostri hanno caratterizzato l’importante arteria.
“I ‘viaggi alla scoperta della nostra città’ sono una delle migliori intuizioni della passata legislatura e che l’attuale Giunta intende confermare e potenziare. - ha ricordato l’assessore Aldo Modonesi - Interessanti, originali, di grande valenza culturale e organizzativa, hanno coinvolto centinaia di ferraresi e turisti grazie anche alla collaborazione del mondo associativo e istituzionale locale. Alla ripresa dell’attività abbiamo così deciso di concentrarci su viale Cavour, sulla sua storia e sulle sue migliori emergenze architettoniche, in una sorta di prosecuzione ideale del percorso intrapreso lo scorso anno, che aveva toccato il Novecento”.
L'assessore Modonesi ha poi colto l'occasione per annunciare l'iniziativa di venerdì 23 settembre (alle 21 con partenza da piazzale San Giorgio) per la presentazione itinerante (in bicicletta) della nuova illuminazione artistica in quattro diversi punti della città.
All’incontro di questa mattina in Municipio erano inoltre presenti il presidente di Ferrariae Decus Giacomo Savioli, Teresa Mayer vicepresidente del Garden Club, la direttrice di Poste Italiane di Ferrara Fulvia Allegretti e la botanica Stefania Gasperini.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.