14 giugno 2011 - Cultura e Spettacoli

La follia improvvisa di Ignazio Rando

Dalla parola alla scena sabato 18 giugno al Teatro Nuovo

Liberamente tratto dal romanzo di Dario Franceschini, edizione Bompiani, “La follia di Ignazio Rando” è uno spettacolo per la regia e l’adattamento di Serena Nardi che racconta la storia di una scelta, quella di Rando appunto, che per istinto di sopravvivenza e desiderio di redenzione diventa (o si fa credere) folle.
Rando è un impiegato modello che per trentasette anni, cinque mesi e quattro giorni, ha svolto con dedizione il suo lavoro e che un giorno sale sulla sua scrivania, caplestando le pratiche polverose che la ricoprono, e ne discende lasciando l’ufficio tra lo stupore generale dei presenti. Il Ragionier Garbioni, collega di lavoro e involontario testimone e voce critica dell’intera vicenda, percorrerà attraverso la follia di Rando, quel percorso di auto salvazione che inevitabilmente riconoscerà come proprio.
Su di un palcoscenico buio e freddo, colmo di giornali e sovrastato da tante lampadine che pendono dal soffitto, lo spettacolo si presenta in forma di monologo-narrazione suddivisa in quattro quadri, con un unico attore in scena, Stefano Orlandi, che, alternativamente, interpreta sia il Rag. Garbioni che Ignazio Rando.
I due quadri di Rando si svolgono in platea, a diretto contatto con il pubblico. Le atmosfere sonore create dalle musiche originali di Matteo Amantia, in continua sinergia col testo, sottolineano la valenza evocativa delle parole e amplificano la dimensione onirica, immaginifica e “distorta” del racconto.
Lo spettacolo, in scena sabato 18 giugno alle ore 21 al Teatro Nuovo di Ferrara, prevede un biglietto unico d’ingresso pari a € 15.
Prevendite abituali.
Per informazioni:
Stefania Scaldaferri
Responsabile ufficio stampa e relazioni con il pubblico
stefaniascaldaferri@teatronuovoferrara.it 329.3825949
Teatro Nuovo Ferrara
info@teatronuovoferrara.it 0532.240180/392.6682367

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.