18 luglio 2011 - Cronaca

La pianura trema

Scosse avvertite distintamente anche a Ferrara, soprattutto nel bondenese

Sono state avvertite Lombardia, Veneto, Emilia quattro scosse sismiche. Domenica sera la terra a tremato: nessun danno, molto spavento e la precauzione di interrompere per accertamenti la tratta ferroviaria Bologna-Verona, allo scopo di verificare l'integrità di struttura ed impianti.
La prima scossa è stata registrata dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia nella Pianura padana lombarda alle 20.22, con una magnitudo di 3.1 e alla profondità di 1.4 km.
Dopo circa 8 minuti, alle 20.30, una seconda scossa di magnitudo 4.7, ad una profondità 8.1 km, si è attestata nella Pianura padana veneta: Rovigo, con Castelmassa, Castelmassa, Ceneselli, Ficarolo, Gaiba, Giacciano, Salara e Trecenta, risulta fra le città più vicine all’epicentro.
Alle 20.38, ancora nella Pianura padana lombarda una scossa più lieve, di 2.8 di magnitudo, e alle 21.22 il quarto terremoto di 2.3 di magnitudo nella Pianura padana veneta.
L'INGV ha poi rilevato un quinto terremoto di più bassa intensità nell'area di Modena, alle 23.50: 2.4 di magnitudo e ad una profondità di oltre 20 chilometri.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.