10 giugno 2011 - Cronaca

Arrestati due pusher nel ‘triangolo della droga’

Operazione della Squadra Mobile nella zona tra stazione, stadio e acquedotto

L’arresto di due cittadini nigeriani, negli ultimi dieci giorni, ha permesso di assestare un duro colpo al mondo dello spaccio al minuto nella zona stadio, acquedotto e stazione.
L’operazione della squadra Mobile, guidata dal dirigente Andrea Crucianelli, ha portato in carcere il 31 maggio Ken Asues, 23 anni, e giovedì scorso Endurance Omulomen, 25 anni: entrambi richiedenti asilo politico.
L’indagine, coordinate dai pm Nicola Proto e Angela Scorza, è partita dalle segnalazioni dei cittadini, cui è seguito un intenso servizio di osservazione.
Ken Asues, particolarmente intraprendente, contava su di una serie di clienti per lo più giovani ferraresi, anche della provincia, nonché di rodigini che contattava direttamente. La sua tecnica di cessione era diretta: non esitava infatti a proporre la droga a passanti che individuasse come possibili clienti.
Gli appostamenti hanno portato all’immediato arresto in flagranza di reato di cessione di sostanza stupefacente. La sua perquisizione ha consentito di rinvenire e sequestrare 10 palline confezionate con nylon termosaldato per un peso complessivo di grammi dieci di cocaina già pronta per essere ceduta. Tra l’altro il ragazzo nel tentativo di sottrarsi all'intervento della Polizia ha colpito un operatore con un violento pugno al volto e per tale azione è stato indagato anche per il reato di resistenza a Pubblico Ufficiale.
Nessun annuncio di questo arresto, per non destare sospetti e poter mettere a segno il secondo arresto, di ieri.
Endurance Omulomen usava una tecnica leggermente diversa rispetto al connazionale: meno spregiudicato nell’approccio con i clienti che fidelizzava grazie alla qualità della cocaina che cedeva, era particolarmente guardingo ed attento. Si muoveva abitualmente in bicicletta cambiando di volta in volta le modalità di scambio droga-denaro, contando sull'appoggio più o meno diretto di vari connazionali.
I poliziotti sono interveniva dopo la cessione di due palline di cocaina: dopo un rocambolesco inseguimento sono riusciti a bloccare il cittadino nigeriano e a trarlo in arresto per la flagranza del reato di cessione di sostanza stupefacente.
I due sono stati associati presso la Casa Circondariale di Ferrara, su disposizioni dei magistrati che hanno coordinato le attività.
“E’ il mantenimento della promessa che feci ai cittadini di quelle zone – ha commentato il questore Mauriello – e grazie alla Squadra Mobile e alle Volanti questi personaggi capiranno che non sarà mai questa la terra fertile su cui coltivare i loro traffici illegali”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.