7 giugno 2011 - Cronaca

I 197 anni dell’Arma a Ferrara

Lusinghieri i risultati ottenuti dai Carabinieri nella lotta alla criminalità

Si è tenuta ieri, alla presenza del prefetto Provvidenza Raimondo e delle massime autorità locali, presso la caserma di via App. Carmine Della Sala, la Celebrazione Ufficiale del 197° anniversario della Fondazione dell’Arma dei Carabinieri.
Alla commemorazione sono stati schierati i reparti del Comando Provinciale di Ferrara, comprendenti una compagnia di formazione composta da un plotone in grande uniforme; un plotone in uniforme di combattimento; un plotone di comandanti di stazione; una unità del servizio navale distaccata presso la Compagnia di Comacchio ed automezzi in dotazione all’Arma, che sono stati rassegnati dal Colonnello Antonio Labianco Comandante Provinciale.
Lo schieramento comprendeva anche la rappresentanza dell’Arma in congedo, Labaro Nastro Azzurro ed Associazioni combattentistiche e d’Arma, la banda musicale della città di Cento, nonché un rappresentante di ogni contrada del Palio, che con le bandiere tricolore hanno con la loro esaltante esibizione intrattenuto i convenuti.
Il Comandante Provinciale, Colonnello Labianco ha rivolto parole di elogio e ringraziamento a tutti i Carabinieri per l’impegno, la professionalità e lo spirito di sacrificio mostrato quotidianamente nonché ringraziato tutte le autorità presenti.
Ha infine illustrato i lusinghieri risultati ottenuti dall’Arma ferrarese nella lotta alla criminalità in genere.
“Nel periodo maggio 2010 aprile 2011 ai Carabinieri del Provinciale di Ferrara sono stati denunciati complessivamente 13.167 reati, i cui autori sono stati assicurati alla giustizia in 2.236 casi. La percentuale di risultati positivi è più elevata per fatti di maggior rilievo e tende a scendere per gli episodi di criminalità diffusa come piccoli furti su autovettura atti di vandalismo, che costituiscono la gran parte delle denunce.
Sono state tratte in arresto 532 persone e deferite in stato di libertà complessivamente 2.315 persone a seguito di indagini esperite dall’Arma.
Incisiva è stata la lotta alla diffusione della droga che ha visto il recupero di 9,891 Kg. di sostanze stupefacenti, la denuncia per spaccio di 293 persone di cui 161 in stato di arresto e la segnalazione al Prefetto di 295 tossicodipendenti per l’adozione di Sanzioni amministrative.
Tuttavia l’attività più rilevante espletata dai Carabinieri del Comando Provinciale è stata quella preventiva la cui influenza sull’andamento statistico della criminalità è, come ovvio, difficilmente quantificabile, ma sostanzialmente molto valida, viste le positive condizioni di vita e di Sicurezza della Provincia, confermate recentemente da autorevoli quotidiani. Sono stati espletati 548 servizi di Ordine Pubblico tesi ad assicurare l’ordinato svolgimento di manifestazioni sportive, comizi, mercati, ecc. ecc.
992 sono stati gli interventi di Soccorso svolti dai Carabinieri sulle strade della Provincia ed in mare; sono stati esperiti rilievi tecnici in incidenti stradali di cui 11 mortali (i deceduti sono 12) e 325 con feriti (di cui sono 467 le vittime). 519 patenti di guida ritirate e 200 automezzi sequestrati.
Analizzando i dati, la situazione dell’O.P. e della Sicurezza Pubblica possiamo affermare che il contrasto alla criminalità diffusa resta un obiettivo prioritario dell’attività di prevenzione e repressione dell’Arma di Ferrara. Tale affermazione trova, senza ombra di dubbio, riscontro nel fatto che proprio i Carabinieri hanno proceduto per il 90% del totale dei delitti commessi nella provincia, con un incremento rispetto al periodo precedente pari all’1,12 %.
Sono 17.226 le richieste (per informazioni, soccorso, per dissidi privati, consumazione di reati ed incidenti stradali) pervenute sull’utenza di emergenza 112, a conferma della fiducia della popolazione nell’Istituzione.
I dati statistici sull’andamento della criminalità della provincia, mostrano un leggero aumento (1,14%) dei fatti denunciati rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente mentre l’attività repressiva ha avuto un aumento del 14,41% di persone arrestate e una diminuzione del 10,65 % delle persone denunciate in stato di libertà. Lo sforzo è stato quello di ricercare una convergenza istituzionale per far si che l’attività di prevenzione e repressione di polizia giudiziaria si accompagni ad un’opera di prevenzione sociale.
La sicurezza condivisa e partecipata tra le Forze di Polizia e le Istituzioni Pubbliche e private è stata la strategia perseguita. In tale ottica vanno quindi inquadrati i considerevoli sforzi profusi nel settore della circolazione stradale, con una diminuzione del 46,20% delle persone denunciate per guida in stato di ebbrezza alcolica e del 22,06% delle persone denunciate per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Ne sono derivati, inoltre, una diminuzione del 38,29% delle patenti ritirate e del 37,89% dei veicoli sequestrati.
Relativamente al settore delle sostanze stupefacenti, il costante impegno profuso ha portato ad un aumento del 61,75% delle sostanze sequestrate, dell’11,81% delle persone arrestate ed un calo dell’1,01% di quelle denunciate in stato di libertà. Inoltre c’è stata una diminuzione del 13,99% delle persone segnalate alla Prefettura quali assuntori.
Altrettanto efficiente è stato lo sforzo contro la criminalità predatoria ovvero dedita a furti in abitazione, scippi, rapine, spaccio minuto di droghe, questa viene costantemente monitorizzata ed analizzata si da offrire efficace azione di contrasto sia per contenere l’allarme sociale, per prevenire autonome iniziative di cittadini esasperati e soprattutto per evitare che la stessa possa divenire serbatoio di alimentazione per più gravi forme di criminalità”.

COMANDO PROVINCIALE CARABINIERI DI FERRARA
ENCOMIO SEMPLICE AL REPARTO CONCESSO DAL COMANDANTE DI LEGIONE:
NUCLEO INVESTIGATIVO DI COMANDO PROVINCIALE, DANDO PROVA DI ELEVATA PROFESSIONALITA’, SINERGICO IMPEGNO E CORALE AMALGAMA, SVILUPPAVA COMPLESSA ATTIVITA’ D’INDAGINE CHE CONSENTIVA DI DISARTICOLARE UN AGGUERRITO SODALIZIO CRIMINALE DEDITO AL TRAFFICO ILLECITO DI SOSTANZE STUPEFACENTI, CON RAMIFICAZIONI NEL NORD E CENTRO ITALIA. L’ATTIVITA’ SI CONCLUDEVA CON L’ARRESTO DI 37 PERSONE, IL SEQUESTRO DI 6 KG DI EROINA, 2,340 DI COCAINA, DI ALCUNE AUTOVETTURE E DI CONSISTENTI SOMME DI DENARO E IL DEFERIMENTO ALL’AUTORITA’ GIUDIZIARIA DI ULTERIORI 30 PERSONE. L’OPERAZIONE CONTRIBUIVA A RAFFORZARE L’IMMAGINE E IL PRESTIGIO DELL’ISTITUZIONE.
Ferrara e territorio nazionale, febbraio 2007-marzo 2009.
Ritirano il premio: Mar. Ca. LOVISON Denis e App. ORLANDINI Enrico

COMPIACIMENTO DEL COMANDANTE DI LEGIONE:
ADDETTI AD ALIQUOTE OPERATIVE DI COMPAGNIA CAPOLUOGO E DISTACCATA, CON ELEVATO SENSO DEL DOVERE, DETERMINAZIONE E PROFESSIONA LITA’ SVOLGEVANO SERRATE INDAGINI CHE CONSENTIVANO L’ARRESTO DI TRE PERICOLOSI MALFATTORI, COLPEVOLI DELLA COMMISSIONE DI NUMEROSE RAPINE AGGRAVATE, DI PORTO ABUSIVO DI ARMI, DI SPACCIO DI STUPEFACENTI E DI RICETTAZIONE.
Ferrara, Como e Comacchio luglio–novembre 2010.
Ritirano il premio: Luogotenente MUZI Antonio, Mar. Ca. LAZZARIN Stefano, App. METTA Nicola, App. DE SIMONE Massimiliano e Car. PETITTI Christian

COMPIACIMENTO DEL COMANDANTE DI LEGIONE:
ALLA STAZIONE CARABINIERI DI ARGENTA STAZIONE CARABINIERI DISTACCATA, CON PROFESSIONALITA’ E PERSEVERANTE IMPEGNO EVIDENZIATI DA TUTTI I SUOI COMPONENTI, CONDUCEVA ATTIVITA’ INVESTIGATIVA CULMINATA, IN BREVE ARCO DI TEMPO, CON L’ARRESTO DI UN PERICOLOSO MALVIVENTE CLANDESTINO CHE, TRAVISATO ED ARMATO DI COLTELLO E DI ASCIA, SUSCITANDO ALLARME NELLA POPOLAZIONE, AVEVA PERPETRATO RAPINE IN TRE ABITAZIONI ISOLATE.
Argenta (FE), 12 novembre 2010.
Ritira il premio il Comandante della Stazione Mar. A. s. UPS CARLI Alberto

COMPIACIMENTO DEL COMANDANTE DI LEGIONE:
ADDETTO A NUCLEO RADIOMOBILE DI COMPAGNIA CAPOLUOGO, CONGENEROSO ALTRUISMO E DETERMINAZIONE, PRESTAVA SOCCORSO, UNITAMENTE AD ALTRI MILITARI, IN FAVORE DI UN UOMO CHE, IN PREDA A CRISI DEPRESSIVA E IN STATO DI EBBREZZA ALCOLICA, DOPO ESSERSI COSPARSO I VESTITI DI LIQUIDO INFIAMMABILE, STAVA TENTANDO DI DARSI FUOCO.
Ferrara, 14 ottobre 2010.
Ritirano il premio: Brig. FUCCI Vincenzo, Car. Scelto AVANZATO Salvatore e Car. VENUTI Angelo

COMPIACIMENTO DEL COMANDANTE DI LEGIONE:
MAR. AIUT. S.UPS PARADISO ANTONIO, MAR. CA. FOLLI PIERGIORGIO E BRIG. GARAU MASSIMO COMANDANTE/ADDETTO A STAZIONE CAPOLUOGO, CON ELEVATO SENSO DEL DOVERE, PROFESSIONALITA’ E DETERMINAZIONE, SVOLGEVA SERRATE INDAGINI RELATIVE AL FURTO DI NUMEROSE OPERE D’ARTE SACRA IN DANNO DELLA LOCALE CONCATTEDRALE, CHE CONSENTIVANO IN BREVE TEMPO DI IDENTIFICARE E DENUNCIARE ALL’AUTORITA’ GIUDIZIARIA TRE CITTADINI ITALIANI, RESPONSABILI DEL REATO SACRILEGO, RECUPERANDO L’INTERA REFURTIVA.
Comacchio febbraio 2010.
Ritira il premio il Mar. A. s. UPS PARADISO Antonio

APPREZZAMENTO DEL COMANDANTE PROVINCIALE:
COMANDANTE/ADDETTO A STAZIONE DISTACCATA, CON SPIRITO D’INIZIATIVA E PROFESSIONALITA’, SVOLGEVA COMPLESSE INDAGINI CHE PORTAVANO ALL’IDENTIFICAZIONE ED ALLA DENUNCIA DI DUE PERSONE CHE, CON DOCUMENTI ABILMENTE CONTRAFFATTI, ACQUISTAVANO ARMI. L’INDAGINE SI CONCLUDEVA CON L’EMISSIONE, DA PARTE DELL’AUTORITA’ GIUDIZIARIA DI DUE ORDINANZE DI CUSATODIA CAUTELARE IN CARCERE.
Ferrara, Venezia, Roma, Pescara da ottobre 2009 a gennaio 2010.
Ritirano il premio: LTN. GUIDI Massimo (schierato) e App. MATURO Carmine

APPREZZAMENTO DEL COMANDANTE PROVINCIALE:
MAR.AIUT. S.UPS. PERSIA GIOVANNI, MAR.CA. TRIA ANGELO, APP. SANNINO ALESSIO, APP. CASELLATO CRISTIAN E CAR.SC. SUMMO VINCENZO MILITARI DI STAZIONE CAPOLUOGO, ALIQUOTA OPERATIVA E STAZIONE DISTACCATA, CON TEMPESTIVITA’, DETERMINAZIONE E CORAGGIO, RIUSCIVANO AD INTERROMPERE IL TENTATIVO DI SUICIDIO DI UN GIOVANE EXTRACOMUNITARIO, CHE SI ERA COSPARSO IL CORPO DI SOSTANZA INFIAMMABILE CON L’INTENTO DI DARSI FUOCO, FACENDOLO DESISTERE DALL’INSANO GESTO.
Portomaggiore (FE), marzo 2011.
Ritirano il premio: Mar. A. s. UPS PERSIA Giovanni e App. CASELLATO Cristian

APPREZZAMENTO DEL COMANDANTE PROVINCIALE:
MAR. A. S U.P.S. MESSINA IGNAZIO, MAR. CA. CAPUANO ROBERTO, MAR. ORD. ARCA CESARE, BRIG. CHESSA WALTER, APP. SC. PAPARO SAVERIO, MAR. CA. ROCCOTELLI GIUSEPPE, BRIG. BOTTONI ALBERTO, APP. SC. RANIERI GIAMPIERO, APP. SC. FIORI MASSIMILIANO ADDETTI AD ALQUOTA OPERATIVA DI COMPAGNIA E STAZIONE DISTACCATA CON PERSEVERANTE IMPEGNO E NON COMUNE SPIRITO DI SERVIZIO PARTECIPAVANO A COMPLESSE E PROLUNGATE INDAGINI NEI CONFRONTI DI UN SODALIZIO CRIMINOSO DEDITO AL COMMERCIO DI SOSTANZE STUPEFACENTI NEI TERRITORI DEL CENTESE ED IN LIMITROFE LOCALITÀ DELLE PROVINCE DI BOLOGNA E MODENA. L’OPERAZIONE SI CONCLUDEVA CON L’EMISSIONE DI DUE PROVVEDIMENTI CAUTELARI A CARICO DI 22 PERSONE, CON LA DENUNCIA IN STATO DI LIBERTÀ DI ALTRE 17 E CON IL SEQUESTRO DI CONSISTENTI QUANTITATIVI DI HASHISH E COCAINA”. IN CENTO (FE) E NELLE PROVINCE DI FERRARA, MODENA E BOLOGNA APRILE 2009- DICEMBRE 2010
Ritirano il premio: Mar. Ca. CAPUANO Roberto, Mar. Ca. ROCCOTELLI Giuseppe, Brig. CHESSA WALTER e App. FIORI Massimiliano

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.