5 ottobre 2019 - Comacchio, Eventi

Nel Delta del Po la prima Scuola internazionale sul birdwatching e l’ecoturismo

Gli eventi dei 5 giorni in programma

Dal 7 ottobre il Delta del Po, la più significativa area ornitologica d’Italia e una delle più significative in Europa, ospiterà la prima Scuola Internazionale sul birdwatching e l’ecoturismo che vedrà impegnati fino a venerdì 11 ottobre 16 partecipanti provenienti non solo dal territorio della Riserva di Biosfera del Delta del Po, ma anche dal territorio nazionale ed estero, in particolare con partecipanti da Grecia, Serbia, Bulgaria e Tunisia.

Con una grande varietà di habitat e ben 360 specie di uccelli, di cui oltre 150 nidificanti, il Delta del Po è un luogo ideale dove praticare il birdwatching, attività che negli ultimi anni è diventata rilevante per il turismo e per lo sviluppo sostenibile del territorio e che rappresenta un’opportunità importante per le Riserve di Biosfera e in generale per le aree naturali, per lo sviluppo economico delle comunità locali e al tempo stesso per  preservare e vivere gli aspetti naturali di un territorio.

La sede principale dell’evento, che prevede escursioni sul campo, sarà a Comacchio presso la Manifattura dei Marinati.

Il programma dei 5 giorni nel Delta del Po:

Il primo giorno dopo i saluti istituzionali Angela Nazzaruolo, Coordinatore del GAL Delta 2000, illustrerà gli interventi che sono stati realizzati negli ultimi anni riguardanti il birdwatching e l’ecoturismo: interventi sia fisici e infrastrutturali (come le piste ciclabili o i capanni di osservazione) ma anche di comunicazione e promozione del territorio (come la Fiera Internazionale del Birdwatching).

Martedì sarà la volta di Paolo Grigolli, Direttore della Scuola di Management del Turismo e della Cultura della Provincia Autonoma di Trento, che parlerà dell’evoluzione dell’ecoturismo negli ultimi anni e delle dinamiche che lo hanno contraddistinto, con uno sguardo al prossimo futuro, mentre Nerina Baldi del Comune di Argenta presenterà le attività connesse all’ecoturismo e al birdwatching per dare nuova vita al territorio, non solo in qualità di Ente e di Ecomuseo, ma anche in collaborazione con soggetti privati, con un cenno alle ricadute economiche e sociali che stanno avendo. Conclude i lavori del secondo giorno Franco Cernigliaro, Country Manager di Swarovski Optic Italia che illustrerà le opportunità fornite dagli strumenti ottici nelle attività connesse all’ecoturismo e in particolare al birdwatching.

Mercoledì 9 ottobre ci si sposterà presso l’Oasi di Cannevié dove Christina Sánchez di SEO Birdlife Europe illustrerà i risultati di una recente analisi sul profilo del birdwatchereuropeo condotta dalla prestigiosa associazione. Presenterà, inoltre, una serie di best practice sul birdwatching per ridurre l’impatto sugli habitat e sulle specie, nonché una breve guida che costituisce il codice etico del birdwatcherOttorino Zanellatodell’Hotel Oasi di Cannevié e Riccardo Rescazzi del B&B Al Ponticello racconteranno le loro esperienze nel campo del soggiorno e dell’ospitalità per questo tipo di target, che presenta caratteristiche e necessità specifiche. Durante la permanenza presso l’Oasi di Cannevié si effettuerà anche una breve escursione di birdwatching all'interno della stessa Oasi e lungo il vicino ramo del Po di Volano.

Giovedì 10 ottobre Nicola Carli di Motonave Dalì parlerà della propria attività di trasporto passeggeri sul Delta del Po e delle diverse modalità di visita di un territorio come il Delta, nell'ambito di una escursione in barca da Porto Garibaldi alla Stazione Foce. Dario Guidi di Po Delta Tourism illustrerà come opera un tour operator che si sta strutturando per rispondere alle esigenze di turismo slow e di ecoturismo presso la Stazione Foce. Ci si sposterà quindi nel Boscone della Mesola dove Stefano Casellatodi Aqua Delta Po accompagnerà i partecipanti in un’escursione in bicicletta all'interno dell’area naturale raccontando l’esperienza nelle attività ecoturistiche sul territorio.

Venerdì 11 a chiudere la Scuola Internazionale presso la Manifattura dei Marinati saranno Giampiero Sammuri, Presidente del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e Sergi Sales della Fondazione Plegadis, rispettivamente per la Riserva di Biosfera Isole di Toscana e per la Riserva di Biosfera Terres de l’Ebre, per parlare delle attività svolte nei due territori nell'ambito del birdwatching e dell’ecoturismo e di come queste azioni stiano diventando mezzi per comunicare e promuovere il territorio.

 

Sabato 12 ottobre il convegno aperto a tutti

Sabato 12 ottobre, alle ore 10.30 presso il Palazzo Bellini a Comacchio ci sarà il convegno “Il Birdwatching: elemento di sviluppo sostenibile per le Riserve di Biosfera MAB UNESCO” nel quale interverranno Sergi Sales della Fondazione Plegadis per la Riserva di Biosfera Terres de l’Ebre e Martina Berneschi dell’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità-Delta del Po per la Riserva di Biosfera Delta del Po che illustreranno le azioni realizzate negli ultimi anni nei due territori in connessione al birdwatching, seguiti dall'intervento di Dario Guidi di Po Delta Tourism che illustrerà la situazione attuale e le prospettive future del birdwatching nel Delta del Po dal punto di vista di un operatore economico. Aprirà i lavori Jonathan Baker dell’Ufficio UNESCO di Venezia.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.