7 agosto 2019 - Comacchio, Cronaca

Lidi di Comacchio, le Fiamme Gialle sequestrano 2.300 articoli ed accessori contraffatti

Denunciate due persone

A Lido di Spina i finanzieri del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Ferrara e della Tenenza di Comacchio hanno sequestrato, in distinte operazioni, oltre 2.300 fra articoli, accessori ed etichette delle più note marche di moda e denunciato due senegalesi, per aver introdotto nel territorio dello Stato, a fini commerciali, prodotti industriali con marchi e segni distintivi contraffatti. Gli articoli sono stati rinvenuti, in due appartamenti di Lido Spina, nella disponibilità

degli indagati. Le abitazioni fungevano da veri e propri laboratori e depositi utilizzati per il confezionamento e lo smistamento della merce da mettere illegalmente in circolazione per la successiva vendita non solo sui Lidi comacchiesi ma anche fuori provincia. I soggetti indagati, con regolare permesso di soggiorno nel territorio dello Stato, erano già noti alle Fiamme Gialle per precedenti denunce per detenzione e vendita di marchi con segni distintivi falsi. In particolare uno dei due soggetti era stato notato a Ferrara, dove era in contatto con diversi clienti per piazzare la merce. I successivi controlli permettevano di acquisire una serie di elementi che confermavano le ipotesi investigative e consentivano di individuare le basi logistiche dei due senegalesi ubicate a Lido di Spina. La perquisizione in uno dei due appartamenti scattava proprio

a seguito di un intervento effettuato da una pattuglia del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria nel corso del quale veniva fermato, a Ferrara, un soggetto residente nel mantovano che all’interno della propria auto nascondeva, in grossi sacchi, decine fra giubbotti, scarpe e borse, recanti marchi di noti brands: la merce era stata acquistata proprio da uno dei due senegalesi indagati e non risultava accompagnata da alcun documento che ne giustificasse la provenienza. Per tali circostanze è subito scattato il sequestro dei beni rinvenuti, in considerazione del fatto che per le modalità di trasporto e detenzione gli stessi non potevano che venire da laboratori e depositi clandestini dove vengono confezionati per essere poi immessi illecitamente sul mercato a prezzi concorrenziali. La lotta alla contraffazione rientra fra le attività di contrasto alla criminalità economico-finanziaria sistematicamente pianificate dalla Guardia di Finanza per disarticolare, nell’ambito dei servizi di controllo economico del territorio, l’intera filiera di produzione e commercializzazione dei prodotti illegali. Il fenomeno del falso rappresenta uno dei crimini maggiormente dannosi per l’economia legale perché integra una pluralità di

condotte illecite, che vanno dal lavoro nero ed irregolare, all’immigrazione clandestina, all’evasione fiscale, al riciclaggio, al commercio abusivo.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.