8 febbraio 2018 - Comacchio, Cronaca

Smaltiscono rifiuti speciali in plastica bruciandoli, denunciati

Si tratta del titolare di un’azienda agricola e di un suo dipendente

In data odierna, al termine delle indagini, i Carabinieri Forestali di Comacchio (FE) hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Ferrara:

  • un 56enne residente in provincia di Ravenna, per il reato di scarico di acque reflue in assenza di autorizzazione. Il 30 ottobre u.s., i Carabinieri Forestali, nell’ambito dei controlli rientranti nella campagna congiunta dei reparti speciali dell’Arma nel settore agricolo ed agroalimentare, hanno svolto ispezione presso un’azienda del settore alimentare della provincia di Ferrara, di cui l’indagato all’epoca era Presidente del Consiglio di Amministrazione, accertando che lo stesso aveva presentato, per conto della stessa azienda, istanza di rinnovo dell’ “Autorizzazione Unica Ambientale” successivamente alla scadenza della precedente. Pertanto, la ditta, pur avendo tardivamente regolarizzato la propria posizione, aveva effettuato lo scarico di acque reflue per un periodo di circa cinque mesi, in assenza di autorizzazione. Tuttavia, come previsto dagli art. 318 bis e seguenti del T.U.A., all’indagato è stata notificata una sanzione amministrativa pecuniaria pari ad Euro 2.500,00, il cui eventuale pagamento estinguerà il reato rubricato;

  • un 56enne e un 44enne, entrambi di Ostellato (FE), rispettivamente titolare e dipendente di un’azienda agricola del posto, per il reato di combustione illecita di rifiuti. In data 24 gennaio u.s., nello svolgimento del normale servizio d’istituto, la pattuglia della suddetta Stazione Carabinieri Forestali, era intervenuta nelle pertinenze dell’azienda agricola in questione, rilevando lo smaltimento illecito mediante combustione di un cumulo di rifiuti speciali non pericolosi, costituito da circa tre metri cubi di teli in materiale plastico utilizzati nell’attività agricola. Le successive indagini hanno quindi condotto all’individuazione degli odierni indagati quali autori dell’illecito smaltimento di rifiuti.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.