10 novembre 2015 - Comacchio, Economia & Lavoro

Lavoro e sviluppo a Comacchio, un Patto costruito con il contributo di tutti

E' ancora possibile partecipare

Fino al 14 novembre, spiega l'Amministrazione comunale di Comacchio, è possibile contribuire alla stesura del “Patto per il lavoro e lo sviluppo economico-sociale” del Comune. Il documento di natura programmatica, nel quale saranno elencate le opere e le azioni che l’Amministrazione e gli altri enti firmatari si impegnano a realizzare a Comacchio per incentivare il mercato del lavoro, è tutt’ora in discussione in tavoli tematici espressamente riuniti per dibattere le diverse materie in oggetto, ma già da tempo è aperto al contributo di tutti, istituzioni, associazioni, cittadini, privati, ecc.

Progetto Comacchio 2015/2020 sarà, infatti, un Patto condiviso tra tutti gli attori sociali e istituzionali locali che accettano la sfida di sostenere lo sviluppo territoriale. Lo scopo è quello di promuovere la struttura sociale, economica e produttiva del territorio di Comacchio, al fine di creare nuova occupazione e contrastare il rischio di povertà, esclusione sociale e precarietà professionale.

Sei i “driver” in cui è diviso il Documento e che riprendono il Patto per il Lavoro già pubblicato dalla Regione Emilia-Romagna: "Persone e Lavoro", "Comunità e Lavoro", "Sviluppo, Imprese e Lavoro", "Territorio e Lavoro", "Legalità e Lavoro" e "Semplificazione e Lavoro".

La bozza di Progetto Comacchio è accessibile e scaricabile sul sito istituzionale del Comune di Comacchio (www.comune.comacchio.fe.it). Per inviare il proprio contributo, condividendo opinioni, proposte e commenti, è possibile scrivere all’Ufficio Comunicazione Istituzionale, entro il 14 novembre, appunto, all’indirizzo laura.burgio@comune.comacchio.fe.it.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.